Sei in: Home » Articoli

Cassazione: danneggiare l'auto parcheggiata al centro commerciale è ancora reato

Si tratta di cosa esposta alla pubblica fede e sulla quale, come tale, non incide la depenalizzazione
uomo indica i danni nella sua auto rigata

di Valeria Zeppilli – La depenalizzazione del reato di danneggiamento, avutasi nel 2016, non ha toccato le fattispecie aggravate di reato, come quella in cui il bene danneggiato si trovi esposto alla pubblica fede.

L'esposizione alla pubblica fede

Con la sentenza numero 24131/2017 (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha a tal proposito chiarito che il concetto di esposizione alla pubblica fede non deve ritenersi correlato alla natura pubblica o privata del luogo in cui la cosa si trova.

Piuttosto, precisano i giudici, si ha esposizione alla pubblica fede quando la cosa trova protezione solo "grazie al senso di rispetto per l'altrui bene da parte di ciascun consociato".

Una simile condizione, pertanto, può sussistere anche laddove il bene danneggiato si trova in un luogo privato al quale, tuttavia, è possibile accedere liberamente, per mancanza di recinzioni o di sorveglianza.

Il parcheggio del centro commerciale

Tale è, ad esempio, il parcheggio di un centro commerciale, ovverosia il luogo in cui, nel caso di specie, l'imputato aveva colpito violentemente un'auto altrui, tanto da essere sottoposto a procedimento penale.

Non correttamente, quindi, il Tribunale ha ritenuto operante la depenalizzazione decretando l'assoluzione dell'imputato perché il fatto non sussiste: ora deve proseguire il giudizio tenendo conto dei principi enunciati dalla Cassazione.

Corte di cassazione testo sentenza numero 24131/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(19/05/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF