Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione

Le novità previste dal Ddl di riforma della professione forense all'esame della commissione giustizia della Camera
avvocato di successo che scrive idea sulla lavagna

di Valeria Zeppilli – Da quando l'iscrizione obbligatoria alla Cassa Forense è divenuta realtà, le proteste degli avvocati non si sono mai sedate. Negli ultimi tempi, però, i contestatori si sono veramente "scatenati" criticando aspramente e da più pulpiti i costi esagerati dell'ente previdenziale degli avvocati.

E sembra che non si tratti solo di chiacchiere: all'esame della commissione giustizia della Camera c'è infatti un disegno di legge (presentato un paio di anni fa e qui sotto allegato) che si occupa proprio delle questioni pensionistiche dei professionisti del foro, proponendo di spazzare via tanto i contributi minimi alla Cassa quanto l'obbligo di iscrizione.

Via i contributi minimi

Con particolare riferimento ai contributi minimi, l'articolo 1 del ddl, tra le modifiche proposte alla legge numero 247/2012 prevede l'espresso divieto per Cassa Forense di esigere dagli avvocati dei contributi minimi obbligatori o altri versamenti che non sono calcolati in misura percentuale rispetto al reddito percepito dagli iscritti.

Aliquote e sistema contributivo

La Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense, di conseguenza, negli intenti del DDL dovrebbe determinare con proprio regolamento le aliquote da applicare per il calcolo dei contributi, commisurate al reddito degli iscritti. Si dovrebbero individuare, contestualmente, anche le aliquote per le eventuali condizioni temporanee di esenzione o di diminuzione riservate ai soggetti che si trovano in condizioni particolari, indicate dettagliatamente dallo stesso regolamento.

In ogni caso, il sistema pensionistico per tutti gli iscritti alla Cassa sarebbe quello di tipo contributivo.

Via l'iscrizione obbligatoria e l'esercizio prevalente della professione

Con la quasi totale abrogazione dell'articolo 21 della legge professionale, poi, il DDL propone di spazzare via sia l'iscrizione obbligatoria alla Cassa che la necessità che l'esercizio della professione sia svolto in maniera effettiva, prevalente, abituale e continuativa pena la cancellazione dall'albo.

Niente assicurazione obbligatoria

E mentre l'assicurazione obbligatoria si appresta a fare il suo ingresso ufficiale nelle vite degli avvocati, con la proposta all'esame della commissione giustizia si tenta di tornare nuovamente a renderla una mera facoltà, con libertà per i legali di scegliere senza condizionamenti se sottoscrivere un'apposita polizza o no.

Porte aperte ai patti di quota lite

La proposta di legge, infine, propone l'eliminazione del divieto di patti di quota lite, con l'abrogazione della previsione in forza della quale sono oggi vietati i patti con i quali l'avvocato percepisce come compenso una quota del bene che è oggetto della sua prestazione o della ragione litigiosa.

DDL riforma professione forense
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(23/03/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo