Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: per gli errori sanitari, il paziente può citare l'assicurazione

Le polizze divengono obbligatorie per strutture sanitarie pubbliche e private e la rivalsa è sottoposta a limiti specifici
medici seri con file dietro di sedie e una caduta simboleggiante danno

di Valeria Zeppilli – La recente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della riforma sulla responsabilità del sanitario renderà ben presto del tutto nuovi i confini di questa.

Le principali novità riguardano la nuova struttura della responsabilità civile e di quella penale, l'obbligo di assicurazione e l'istituzione di un fondo di garanzia (leggi: "Responsabilità medica: la riforma è in Gazzetta").

Polizze

Soffermandoci sulle questioni strettamente assicurative, la riforma Gelli introduce per le strutture sanitarie sia pubbliche che private (così come giù avveniva per i medici) l'obbligo di stipulare una polizza che li copra rispetto a forme di responsabilità sanitaria.

L'unica alternativa, che permette alle aziende di derogare tale obbligo, è quella di "autoassicurarsi", istituendo un fondo adeguato per il risarcimento.

Rivalsa

Le Compagnie di assicurazione, poi, sono assoggettate a limiti rilevanti in merito all'azione di rivalsa esercitabile contro l'operatore sanitario, possibile esclusivamente in caso di dolo e colpa grave e a condizione che il paziente sia già stato risarcito.

Oltretutto, anche se tali ipotesi si verificano e la rivalsa è ammissibile, essa dovrà comunque essere contenuta nel massimo a un importo pari al triplo del reddito lordo annuo del medico.

Azione diretta

Ma le novità della riforma recentemente pubblicata in Gazzetta e relative alla questione assicurazione, non si arrestano qui e arrivano a toccare anche il processo civile, con l'introduzione della possibilità per il paziente di agire in giudizio citando direttamente la Compagnia di assicurazione della struttura sanitaria o del medico, alla pari di quanto avviene già nel campo della RC auto.

Tuttavia, si prevede il litisconsorzio necessario, con la necessità che al giudizio compaiano anche la struttura o il medico libero-professionista.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(21/03/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Cane fa pipì in strada, multa da 157 euroCane fa pipì in strada, multa da 157 euro
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF