Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati d'ufficio: proroga fino a marzo per la domanda

Il provvedimento del Cnf che ha prorogato i termini per la presentazione dell'istanza per la difesa d'ufficio
uomo che mostra orologio concetto ritardo

di Marina Crisafi – C'è tempo fino a marzo per la presentazione dell'istanza comprovante il possesso dei requisiti per il mantenimento dell'iscrizione nell'elenco unico degli avvocati d'ufficio. A disporre la proroga, rispetto all'originaria scadenza del 31 dicembre 2016 (leggi: "Avvocati d'ufficio: richieste entro il 31 dicembre pena la cancellazione"), è stato il Consiglio Nazionale Forense (con provvedimento qui sotto allegato), in considerazione dei problemi applicativi derivanti dall'utilizzo della piattaforma dedicata e conseguentemente del numero minimo di istanze pervenute.

Da qui il rinvio del termine al 31 marzo 2017 per consentire agli avvocati che vogliono permanere nelle liste dei difensori d'ufficio l'invio della richiesta.

Si ricorda che in caso di mancata o incompleta presentazione della domanda e della documentazione richiesta entro il termine perentorio, l'avvocato è cancellato d'ufficio dall'elenco nazionale. La cancellazione, in ogni caso, non fa venir meno l'obbligo di prestare l'ufficio per gli incarichi precedentemente ricevuti.

La domanda e i requisiti

La domanda va indirizzata al Cnf e presentata al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati al quale albo l'avvocato è iscritto, attraverso la piattaforma informatica gestionale unitamente ad autocertificazione attestante i requisiti di cui all'art. 29 comma 1 bis disp. att. al c.p.p.

Nello specifico, nell'istanza il richiedente dovrà attestare: di aver partecipato ad un corso biennale di formazione ed aggiornamento professionale della durata di almeno 90 ore e di aver superato il relativo esame finale.

Può chiedere l'iscrizione all'elenco anche l'avvocato che abbia partecipato nel triennio 2012-2014 a precedenti corsi e che abbia frequentato entro un anno, il corso formativo- integrativo in materia penale di almeno 30 ore che soddisfi i requisiti di cui alla lett. a) del comma 1 bis dell'art. 29 disp. att. al c.p.p., sempre previo superamento dell'esame finale.

L'avvocato richiedente inoltre dovrà autocertificare l'iscrizione all'albo degli avvocati da almeno cinque anni continuativi, nonchè, al fine di dimostrare di avere acquisito esperienza nella materia penale, la partecipazione (anche quale sostituto processuale), ad almeno dieci udienze (dibattimentali o camerali), escluse quelle di mero rinvio e di "smistamento" (indicando numero di ruolo del procedimento, data dell'udienza, attività svolta, autorità giudiziaria, ecc.).

Occorrerà attestare, inoltre, sempre tramite autocertificazione, di essere in regola con gli obblighi formativi nell'anno antecedente alla richiesta di inserimento nell'elenco.

Il modello

Il nuovo modello di dichiarazione sostitutiva di certificazione, valido sia al fine della presentazione dell'istanza di inserimento nell'elenco unico nazionale sia per la permanenza nello stesso, a seguito di iscrizione già precedentemente effettuata è disponibile sul sito del Cnf (e qui sotto allegato).

Per l'aiuto e l'assistenza nella compilazione delle domande attraverso la piattaforma, il Consiglio Nazionale Forense ha attivato, in ogni caso, un servizio di help desk gratuito che risponde al numero 06 45475829, attivo dalle 09:00 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 18:00 dal lunedì al venerdì.

Modulo domanda elenco difesa d'ufficio
Provvedimento proroga iscrizione CNF
(11/01/2017 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Appropriazione indebita: guida legale con articoli e sentenze
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
» Obbligare la moglie a discutere è reato
» Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
In evidenza oggi
Diritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitoreDiritto alla salute del minore e affievolimento della responsabilità del genitore
Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimentoSeparazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF