Sei in: Home » Articoli

Trasferimento d'azienda: in assenza di formale comunicazione scritta non si applicano le decadenze di cui al Collegato Lavoro

Nota di commento a Tribunale Busto Arsizio, sentenza n. 264/2016
team società socio lavoratori

di Filippo Parisi - La disposizione di cui all'art. 32, comma 4, lettera C), Legge 183/2010 (c.d. Collegato Lavoro), che stabilisce il duplice termine decadenziale di 60 giorni per l'impugnazione stragiudiziale e di 180 giorni per l'impugnazione giudiziale del provvedimento di cessione di contratto di lavoro avvenuta ai sensi dell'articolo 2112 del codice civile, con termine decorrente dalla data del trasferimento, si applica "solo in presenza di una formale comunicazione scritta … di modifica del rapporto nel caso di trasferimento d'azienda". 

Pertanto qualora, come nel caso deciso dal Tribunale di Busto Arsizio (leggi in merito anche: "Sussiste trasferimento d'azienda ex art. 2112 c.c. anche in caso di passaggio di solo personale non altamente specializzato"), con sentenza n. 264/2016 del 12 luglio 2016 (qui sotto allegata), sia controversa la sussistenza o meno di una procedura di trasferimento del ramo d'azienda, "nessun termine decadenziale può essere applicato alla fattispecie (analogamente a quanto avviene allorquando un lavoratore viene licenziato oralmente), e ciò né per quanto riguarda il termine di 60 giorni per l'impugnazione stragiudiziale, né per il termine di 180 giorni per il deposito del ricorso". 

Avv. Filippo Parisi

Studio Legale CMP & Associati

avv.parisi@cmplex.it – www.cmclegaltax.it

Tribunale Busto Arsizio, sentenza n. 264/2016
(04/09/2016 - Avv.Filippo Parisi)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF