Sei in: Home » Articoli

Paga i danni chi iscrive un'ipoteca sproporzionata

La Cassazione inverte la propria rotta e sanziona chi non utilizza la normale prudenza nell'aggredire i beni del debitore
Concetto di ricchezza

di Valeria Zeppilli – Prima di lasciarsi "prendere la mano" nell'iscrivere un'ipoteca bisogna pensarci almeno due volte: se il valore è sproporzionato, infatti, il creditore ne risponde in maniera aggravata.

Ad averlo precisato, con un deciso mutamento di rotta, è stata la Corte di Cassazione con la sentenza numero 6533/2016 depositata il 5 aprile (qui sotto allegata).

In particolare con essa si è chiarito che nel caso in cui il creditore omette di utilizzare la normale prudenza quando si accinge ad aggredire i beni del debitore, le sanzioni processuali endogene scattano automaticamente per violazione del comma 2 dell'articolo 96 del codice di rito.

Ma quando il comportamento è imprudente e il processo deviato? Quando si supera il valore del credito di un terzo.

Il mutamento di rotta, per i giudici, trova fondamento nelle riforme che hanno interessato il nostro ordinamento negli ultimi anni e che impongono una lettura della problematica orientata al rispetto del giusto processo costituzionale e al rigetto dell'abuso del diritto processuale.

Del resto, il giusto processo non può derivare dall'esercizio degli interessi sostanziali in maniera eccedente, o deviante, rispetto ai limiti della tutela offerta ai cittadini.

Così, nel caso di specie, è stato accolto il ricorso di un cittadino che nel 1997 si era visto iscrivere, da parte di un istituto di credito, un'ipoteca giudiziale per 150 milioni di lire a fronte di debiti che di poco eccedevano i 100 milioni.

Se la sua opposizione al decreto ingiuntivo era stata accolta dal tribunale, lo stesso non era avvenuto, neanche in sede di appello, per la richiesta di risarcimento danni per mancata prudenza nell'iscrizione dell'ipoteca.

Ma ora, dopo quasi 20 anni, giustizia è fatta!

Corte di cassazione testo sentenza numero 6533/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(07/04/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF