Cassazione: è reato negare all'ex il diritto di visita del figlio

L'insufficienza delle norme ordinarie sull'esecuzione fa sì che il rifiuto incida sull'effettività della giurisdizione
madre che protegge figlio dal padre negandogli affido
di Valeria Zeppilli – Quando due genitori decidono di interrompere il loro legame coniugale, quello cui sia stato affidato il figlio ha il preciso dovere di favorire il rapporto del minore con l'altro genitore, salvo il caso in cui sussistano indicazioni contrarie di particolare gravità.

Come ricordato anche dalla Corte di Cassazione con la sentenza numero 12391/2016, depositata il 23 marzo e qui sotto allegata, l'obbligo di collaborazione da una parte e il diritto all'esercizio di visita dall'altra, devono peraltro coniugarsi con il dovere di entrambi i genitori di contribuire alla crescita equilibrata della personalità del minore.

Proprio sulla base di tali preliminari considerazioni, i giudici hanno quindi ritenuto che è idoneo a integrare il reato di elusione del provvedimento adottato dal giudice anche il semplice rifiuto dell'affidatario di consentire all'ex coniuge di vedere il figlio, come invece giudizialmente stabilito.

Per la Corte, più in particolare, è l'insufficienza delle norme ordinarie sull'esecuzione, pur applicabili nel caso di specie, a far sì che il predetto rifiuto incida sull'effettività della giurisdizione.

Anche la natura sollecitatoria del cumulo di strumenti previsti per far intraprendere ai genitori percorsi di mediazione non è per i giudici idonea a sminuire la natura personale della prestazione in esame e il ruolo fondamentale del contributo del genitore obbligato.

Va quindi confermata la condanna a 500 euro di multa per la madre che aveva ostacolato il diritto di visita del suo ex coniuge, non affidatario del loro figlio minore.

Corte di cassazione testo sentenza numero 12391/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(24/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Avvocati: guida pratica per la stipula di un contratto di convivenza con fac-simile
» Per il fisco, il professionista non può lavorare gratis
» Separazione: addebito per il marito inchiodato dalla dichiarazione d'amore all'amante su Facebook
» Cassazione: l'insulto su Facebook può diventare stalking
» Scatta la mediazione obbligatoria sulla riconvenzionale

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin