Insidie stradali: il comune non paga chi scivola sul ghiaccio

Per la Cassazione è il pedone che deve adottare la massima prudenza in presenza della lastra di ghiaccio sul manto stradale
donna che cade sulla strada ghiacciata

di Valeria Zeppilli – La corretta identificazione della responsabilità da cose in custodia ai sensi dell'articolo 2051 del codice civile non è spesso cosa agevole. Un ruolo fondamentale, infatti, spetta all'interpretazione, chiamata a chiarire quando, nel caso concreto, possa intendersi integrato un fatto idoneo ad interrompere il nesso causale alla base dell'applicazione di tale forma di responsabilità.

Con la sentenza numero 5622/2016 depositata il 22 marzo (qui sotto allegata), ad esempio, la Corte di cassazione ha escluso che il Comune proprietario della strada possa essere chiamato a risarcire i danni subiti da una donna caduta a causa di una lastra di ghiaccio presente sul manto stradale.

Nel caso di specie, più precisamente, in considerazione dell'eccezionalità degli eventi atmosferici che si erano verificati, per il Comune non era possibile porre in essere un'attività così imponente come quella che sarebbe stata necessaria per liberare la città dalla neve e dal ghiaccio.

Inoltre la ricorrente, alla luce della situazione climatica eccezionale, avrebbe dovuto prestare la necessaria prudenza ed evitare di transitare sulle lastre di ghiaccio che si erano formate sul manto stradale e che erano di agevole individuazione.

Bastava infatti guardare per terra per evitare di calpestare simili insidie.

Entrambe tali circostanze erano già state ritenute idonee in entrambi i gradi del merito ad integrare la prova liberatoria del caso fortuito. E tale decisione deve essere confermata anche in terzo grado.

Peraltro, quello che in concreto veniva richiesto alla Corte di cassazione non era altro che una diversa valutazione delle prove e un riesame del merito del giudizio, cosa impossibile in sede di legittimità.

Il ricorso della donna va quindi senza dubbio respinto.

Corte di cassazione testo sentenza numero 5622/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(24/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Gli avvocati sono davvero così bravi anche a letto?
» Qualche volta è anche lei a dover mantenere l'ex marito!
» La compiuta giacenza
» Pignoramento: il giudice può chiuderlo anche dopo un'asta
» Negoziazione assistita: no a due avvocati dello stesso studio

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin