Equitalia: la sospensione delle cartelle e la conciliazione

Le novitÓ dell'ultima riforma tributaria introdotte dal decreto legislativo n. 156/2015
debitore che rompe catene simbolo di liberazione Equitalia

Dott.ssa Floriana Baldino - Il D.lgs. n. 156/15 con l' art. 9, ha introdotto importanti novitÓ in materia tributaria. 

La prima, anche molto importante, riguarda la sospensione delle cartelle di Equitalia fino a quando tutti i gradi di giudizio non sono terminati. Anche su semplice istanza del contribuente e senza necessitÓ di accertamento ulteriore da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Nel momento in cui il contribuente, durante il procedimento e durante tutte le fasi di appello, dichiara all'Agenzia delle Entrate di avere un reddito basso e chiede la sospensione della cartella fino alla definizione del giudizio, questa dovrebbe essere concessa senza ulteriori indagini. 

Questo principio, introdotto dal decreto su menzionato, Ŕ stato oggetto di ulteriori specificazioni da parte delle Entrate che, nella circolare n. 38/2015, hanno dettagliato le modifiche operate dal decreto stesso, spiegando anche i motivi sottesi alla sospensione delle cartelle durante le fasi di giudizio. 

Si legge, infatti, nella circolare: "Funzione essenziale della sospensione dell'atto impugnato Ŕ paralizzare temporaneamente gli effetti pregiudizievoli dello stesso, in attesa della sentenza di primo grado. Nella valutazione dei presupposti della sospensione , l'interesse dal ricorrente va bilanciato con quello dell'ente impositore."

Tra le altre novitÓ introdotte dal D.lgs. vi Ŕ la possibilitÓ di conciliare le sanzioni. 

In veritÓ per˛ nonostante la circolare dell'Agenzia delle Entrate, alcuni uffici ancora non sembrano aver recepito tali modifiche. 

La disciplina della conciliazione giudiziaria Ŕ stata infatti riscritta prevedendone 2 tipologie: 

a) quella fuori udienza;

b) quella in udienza. 

Le nuove regole, fatta eccezione per il differente trattamento sanzionatorio, valgono per tutti i gradi di giudizio. La novitÓ pi¨ rilevante riguarda la possibilitÓ di conciliare la riduzione delle sanzioni finanche in appello. 

Con riferimento alla conciliazione tributaria Ŕ da evidenziare che, se da un lato la nuova normativa prevede l'addebito delle spese di giudizio tutte a carico del soccombente, nell'ipotesi invece in cui il contribuente abbia chiesto la conciliazione delle sanzioni, il principio delle spese di giudizio non segue pi¨ quello della soccombenza ma l'articolo 15, comma 2-octies, del decreto n. 546, il quale prevede che: "qualora una delle parti abbia formulato una proposta conciliativa, non accettata dalla controparte senza giustificato motivo, restano a carico di quest'ultima le spese del processo. Se invece Ŕ intervenuta conciliazione le spese si intendono compensate, salvo che le parti abbiano diversamente convenuto nel processo verbale di conciliazione"

Floriana Baldino Dott.ssa Floriana Baldino
Esperta di diritto amministrativo e bancario. 
Contatto facebook:  https://www.facebook.com/flo.balbino

E-mail: florianabaldino@gmail.com
Tel.: 3491996463.
(20/03/2016 - Dott.ssa Floriana Baldino) Foto: 123rf.com
Le pi¨ lette:
» Le 5 domande che un avvocato non dovrebbe mai porre a un testimone
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Il reato di concussione
» Assegno di mantenimento: cosa comprende l'importo che liquida il giudice
» Avvocati: largo alle donne! La professione si tinge di rosa

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin