Sei in: Home » Articoli

Addio al risarcimento del danno morale

La denuncia dell'organismo degli avvocati sul nuovo emendamento al ddl concorrenza all'esame del Senato
sorpresa stupore id13142

di Marina Crisafi – "Si vuole abolire per emendamento il danno morale". Con queste parole l'Organismo degli avvocati denuncia la nuova proposta di modifica al disegno di legge sulla concorrenza all'esame della commissione industria al Senato. Si tratta dell'"ennesimo schiaffo ai diritti dei cittadini – sostiene l'Oua in un comunicato a firma del coordinatore e del segretario della commissione responsabilità civile, Angelo Massimo Perrini e Marco Montozzi, denunciando le "manovre lobbistiche in corso in queste ore – finalizzate ad - implementare ulteriori regali alle assicurazioni".

La norma incriminata è una rifomulazione di un emendamento di maggioranza (8.20 -testo 2- proponente Senatore Francesco Scalia) che va a modificare l'art. 138 del Codice delle Assicurazioni, con la seguente previsione: "Quando sussista un danno biologico, l'ammontare complessivo del risarcimento riconosciuto ai sensi del presente articolo è esaustivo del risarcimento di ogni danno non patrimoniale, incluso quello derivante dalla lesione di ogni diritto primario o costituzionalmente protetto della persona".

Laddove approvata tale norma, in sostanza, sancirà che l'ammontare complessivo del risarcimento riconosciuto per le lesioni gravi (superiori al 9%) sarà esaustivo del risarcimento di ogni voce del danno non patrimoniale, ivi incluso "quello derivante dalla lesione di ogni diritto primario o costituzionalmente protetto della persona".

In altre parole, sottolinea l'Oua, ove venisse approvato un simile testo il risultato sarebbe "la sparizione della liquidazione del danno morale dai risarcimenti che verrebbero decurtati del 30% in media".

Da qui, l'appello ai senatori affinchè "cessino gli attacchi ai diritti dei danneggiati".

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/03/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF