Quando il genitore è responsabile dei debiti del figlio?

Se in generale la responsabilità c'è solo nel caso di figlio minorenne, in certi casi essa può estendersi anche ai debiti del maggiorenne
padre e figlio che litigano

di Valeria Zeppilli – Nel nostro ordinamento, in via generale, chiunque abbia un debito è tenuto a risponderne personalmente nei confronti dei propri debitori. Ma cosa accade se il debito è stato contratto da un minorenne? Che di esso possono essere chiamati a rispondere i genitori.

Così, se ad esempio un ragazzo che non abbia compiuto i diciotto anni di età si renda debitore di una determinata somma verso un altro soggetto, questo potrà tranquillamente aggredire i beni del padre e/o della madre del suo debitore, al fine di soddisfare le proprie pretese. Salvo che non ricorrano le circostanze che permettono ai genitori di richiedere l'annullamento del contratto stipulato da soggetto incapace di agire.

Diverso discorso va fatto, invece, per i maggiorenni.

Con il raggiungimento della maggiore età, infatti, il figlio risponde solo personalmente delle sue obbligazioni e i suoi debiti non si trasmettono sui genitori.

Ciò anche se, come noto, i genitori non smettono di doversi occupare del mantenimento del figlio che sia divenuto maggiorenne, se questo non è in grado economicamente di provvedere in maniera autonoma alla propria sussistenza.

Di conseguenza, i creditori di un maggiorenne non potranno aggredire, ad esempio, il conto corrente, lo stipendio, il TFR o gli immobili di proprietà dei genitori.

Tuttavia un discorso a parte lo merita il pignoramento mobiliare, dato che il creditore che è munito di titolo esecutivo nei confronti del figlio può chiedere all'ufficiale giudiziario il pignoramento dei beni mobili presso la residenza del debitore, fino a concorrenza del credito vantato.

Se il figlio maggiorenne vive ancora con i genitori, è chiaro che la residenza sarà la stessa.

A tal proposito occorre ricordare che la norma di riferimento per simili situazioni è l'articolo 513 del codice di procedura civile, il cui primo comma stabilisce che "l'ufficiale giudiziario, munito del titolo esecutivo e del precetto, può ricercare le cose da pignorare nella casa del debitore e negli altri luoghi a lui appartenenti. Può anche ricercarle sulla persona del debitore, osservando le opportune cautele per rispettarne il decoro".

Dato che, secondo costante giurisprudenza, in forza di tale norma si può presumere, sino a prova contraria, che i beni presenti nell'abitazione appartengono al debitore, ecco che anche in caso di figlio maggiorenne i genitori potrebbero trovarsi a rispondere dei debiti da questo contratti.

Ciò accade, infatti, se l'ufficiale giudiziario preleva per il pignoramento beni che, in realtà, appartengano a questi.

I genitori, dinanzi a simile evenienza, possono comunque ricorrere al giudice dell'esecuzione presentando opposizione di terzo. Ma devono provare, per sperare di ottenere qualcosa, che i beni che sono stati pignorati appartengono a loro e non al figlio.

E qui sta il problema: l'articolo 621 del codice civile, infatti, stabilisce che per il terzo opponente non è in generale possibile provare il proprio diritto sui beni mobili pignorati nella casa del debitore mediante testimoni. Con la conseguenza che a tal fine sarà necessario produrre un documento che attesti inequivocabilmente la proprietà del bene, ovverosia un documento che raramente è presente per i beni mobili presenti all'interno di un'abitazione. 



Più in generale sulla responsabilità dei genitori leggi: "La responsabilità dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d'arte nella giurisprudenza".

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(18/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Auto col finestrino abbassato: multa da 41 euro!
» Riforma processo esecutivo: via libera definitivo. Tutte le novità e il testo approvato
» Quando il pettegolezzo diventa reato
» Cassa Forense: l'obbligo di iscrizione potrebbe essere incostituzionale
» Decreti ingiuntivi: giudice obbligato a concedere la provvisoria esecuzione per le somme non contestate

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin