Pignoramenti: il debitore dovrà lasciare subito la casa

Il ddl di riforma del processo civile anticipa la liberazione dell'immobile all'atto di nomina del custode
casa legata al cappio evoca pignoramento
di Valeria Zeppilli – Dovrebbe arrivare oggi, salvo sorprese, il voto in aula alla Camera sul ddl di riforma del processo civile (leggi: "Riforma processo civile: oggi il voto alla Camera. Ecco le novità"). 
Tra i vari aspetti che, sulla base del testo del disegno di legge, dovrebbero contribuire a innovare la materia, particolare rilievo riveste quello in base al quale il debitore assumerebbe l'obbligo di abbandonare sin da subito l'immobile pignorato (sul testo in generale leggi: "Processo civile: la riforma spiegata punto per punto"). 

Più nel dettaglio, l'idea del d.d.l. è quella di anticipare all'atto di nomina del custode il termine ultimo per l'emanazione dell'ordine di liberazione degli immobili.

Resterebbero fuori solo i casi in cui ad essere pignorata è la prima casa di abitazione del debitore.

Inoltre, nel testo oggi al voto si prevede che l'ordine non eseguito potrà avere attuazione diretta da parte del giudice dell'esecuzione che lo ha emesso, eventualmente avvalendosi del custode o di altri appositi ausiliari.

È chiara la volontà di intervenire su una delle principali cause che oggi fanno da ostacolo alla vendita immobiliare, ovverosia il fatto che il debitore continui a risiedervi, divenendone di fatto custode.

Acquistare, anche all'asta, un immobile ancora abitato, infatti, può per i più risultare poco conveniente.

Se la modifica dovesse passare, insomma, i debitori dovranno affrettarsi a rilasciare l'abitazione pignorata, a meno che non si tratti della loro prima casa.

Quella in commento è evidentemente una norma che potrebbe favorire l'effettività della procedura esecutiva, ma, se la si guarda nell'ottica più ampia dell'intero sistema e delle riforme che su di esso si vogliono introdurre, siamo sicuri che i risultati che porterebbe sarebbero equi? Staremo a vedere.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(09/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il decreto ingiuntivo: guida legale e fac-simile per la redazione dell'atto
» Registrare una conversazione di nascosto col cellulare non è reato
» Fino a 400 euro al mese a famiglia dal 2 settembre
» Pokemon GO: arrivano le prime multe anche in Italia
» Insidie stradali: Cassazione, valida la testimonianza del familiare, anche se non indicata in citazione

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin