Equitalia: cartella nulla se non è comprensibile da tutti

Solo un tecnico tributario conosce tassi e percentuale della riscossione, ma la pretesa va valutata in base alla comprensione dell'uomo medio
equitalia id10073.png
di Lucia Izzo - I cittadini, in quanto destinatari degli atti, devono essere messi in grado di comprendere la pretesa azionata dal'agente di riscossione che per tali motivi dovrà essere chiara e comprensibile
La cartella di Equitalia dovrà pertanto essere dichiarata nulla se manca l'indicazione del tasso di interesse e della percentuale relativa al compenso di riscossione.

Lo ha stabilito la Ctp di Lecce, quinta sezione, nella sentenza n. 620/2016 accogliendo parzialmente il gravame promosso da una cooperativa che aveva ricevuto da Equitalia una cartella di pagamento relativa a Iva, Ires e Irap, con annessi interessi e sanzioni.
Dinnanzi alla Commissione provinciale, la ricorrente assume il difetto di motivazione nonché l'illegittimità della cartella "per eccessività dell'aggio applicato" chiedendone l'annullamento.

Richiesta accolta dalla Ctp limitatamente agli interessi e all'aggio: per i primi, l'atto omette di indicare il tasso, non consentendo così di monitorare la correttezza dell'operato di Equitalia, e lo sesso vale per il compenso di riscossione "la cui determinazione non è suscettibile di alcun controllo" in quanto "manca ogni riferimento normativo e l'indicazione della percentuale".

La Commissione tributaria chiarisce che "l'inintelligibilità della pretesa va valutata in relazione alla capacita di comprensione dell'uomo medio: la conoscenza dei tassi di interesse e della percentuale relativa al compenso di riscossione costituisce patrimonio di un tecnico in materia tributaria e non certamente del cittadino-uomo medio".



(09/03/2016 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF