Insidie stradali: macchia d'olio sulla carreggiata. Senza tracce di sbandata niente risarcimento danni

Tribunale di Roma: Se non ci sono residui di olio sulle mani o sui vestiti della danneggiata non Ŕ provato il nesso causale
macchia olio su asfalto
di Lucia Izzo - Nessun risarcimento al conducente per i danni subiti a seguito del sinistro, se manca il nesso causale tra l'incidente e la macchia d'olio presente sulla strada. E la prova di tale nesso deve essere rigorosa.

Per questo, secondo il Tribunale di Roma, sentenza n. 25829/2015, in mancanza di segni della "sbandata", non pu˛ considerarsi provato il nesso di causa e ci˛ rende superflua qualunque indagine sul perdurare della situazione di pericolo.

Su tali basi il giudice respinge la domanda di risarcimento di una donna che aveva riportato lesioni permanenti dopo essere caduta dalla moto che guidava a velocitÓ moderata: a causa di una macchia d'olio sulla carreggiata, la ricorrente perdeva il controllo del mezzo e cadeva a terra ferendosi.

Per il Tribunale va esclusa la responsabilitÓ del convenuto Comune di Roma, non meritando accoglimento la richiesta risarcitoria della danneggiata per oltre 24mila euro.

I giudici evidenziano una carenza per quanto riguarda la prova "piena e rigorosa" relativamente alla causa che ha determinato l'incidente, posto che dagli atti non emergono elementi idonei a supportare la tesi della donna.

Nel rapporto degli agenti di polizia, intervenuti sul posto dopo l'accaduto, si evidenzia la presenza di una macchia d'olio al centro della carreggiata, mai vista prima e neppure segnalata da altri utenti della strada: tuttavia non emergevano segnali della "sbandata" lamentata dalla donna, cosý come residui di olio sulle mani o sui vestiti della ricorrente.

Per i giudici capitolini, quindi, le emergenze processuali non contenono di ritenere comprovato che l'attrice, alla guida del motociclo, sia caduta a causa dell'insidiosa macchia d'olio presente sulla carreggiata nel tratto di strada che stava percorrendo.
Ci˛ rende superflua un'indagine in ordine al perdurare di tale condizione di pericolo per un lasso di tempo apprezzabile, onde costituire in colpa il soggetto giuridico tenuto a rimuoverla con la massima tempestivitÓ concretamente sigibile.
(09/03/2016 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
Le pi¨ lette:
» Le 5 domande che un avvocato non dovrebbe mai porre a un testimone
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Il reato di concussione
» Assegno di mantenimento: cosa comprende l'importo che liquida il giudice
» Avvocati: largo alle donne! La professione si tinge di rosa

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin