Sei in: Home » Articoli

Fumo passivo: paga i danni il datore di lavoro che non sanziona

Per la Cassazione non basta una mera circolare ma occorre dimostrare di aver inflitto sanzioni disciplinari ai dipendenti inadempienti
uomo maschera per evitare fumo passivo
di Valeria Zeppilli – La lotta contro il fumo in azienda è un impegno che i datori di lavoro devono affrontare con la massima serietà, se non vogliono rischiare di incorrere in sanzioni e di essere anche condannati a risarcire al dipendente il danno da fumo passivo.

Prendere con la massima serietà vuol dire non limitarsi a diramare specifiche circolari tra i lavoratori impiegati ma dimostrare anche di aver inflitto agli inadempienti qualche sanzione disciplinare.

Con la sentenza numero 4211/2016, depositata il 4 marzo, la sezione lavoro della Corte di cassazione ha infatti precisato che l'impugnata sentenza di merito con la quale un datore di lavoro, pur avendo allegato non meglio individuate circolari e disposizioni organizzative, è stato condannato a risarcire al proprio dipendente il danno biologico e morale da fumo passivo non può dirsi emessa in violazione dell'articolo 2087 del codice civile, anche in relazione all'articolo 1223.

Le indicate allegazioni datoriali, infatti, non sono da ritenersi sufficienti dinanzi a una riconosciuta responsabilità contrattuale del datore di lavoro per esposizione a fumo passivo, peraltro in assenza di alcuna prova circa l'effettiva inflizione di sanzioni disciplinari in merito, soltanto ipotizzate.

Del resto, l'articolo 1218 c.c. sancisce chiaramente che il debitore che non esegue la prestazione dovuta in maniera esatta deve risarcire il danno, a meno che non provi che l'inadempimento o il ritardo siano derivati da impossibilità della prestazione per causa a lui non imputabile.

Il risarcimento di oltre 31mila euro al lavoratore esposto a fumo passivo, insomma, va confermato. E il datore di lavoro non può più farci nulla.

Cassazione, sentenza n. 4211/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(04/03/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF