Ingiusta detenzione: va risarcito integralmente il danno biologico subito per l'errore giudiziario

Per la Cassazione, è limitativo affermare che va risarcito solo il danno riconducibile al periodo di ingiusta detenzione
prigione
di Valeria Zeppilli – Quando un cittadino rimane vittima della "malagiustizia" le conseguenze possono essere davvero molto pensanti.
E se consideriamo che oggi nelle carceri italiane sono detenute più di 60mila persone e che il 40% di queste è in custodia cautelare, il pericolo un innocente si trovi sottoposto a carcerazione è davvero elevato.

I danni che si possono subire da una ingiusta detenzione però non si limitano a quelli temporalmente legati al periodo di carcerazione. Con la sentenza numero 7787/2016, depositata il 25 febbraio (qui sotto allegata), la Corte di cassazione ha difatti chiarito quali sono i danni da liquidare a chi è stato sottoposto ad ingiusta detenzione.

Gli ermellini hanno evidenziato che appare del tutto limitativo (come fatto nel caso di specie dal giudice del merito) affermare che l'unico danno biologico che può essere liquidato all'innocente sottoposto a carcerazione preventiva sia quello riconducibile al periodo di ingiusta detenzione.

Del resto, l'articolo 643 del codice di procedura penale, nel regolare la riparazione per errore giudiziario, fa riferimento non solo all'ingiusta condanna ma anche alle conseguenze familiari e personali che dalla stessa siano discese.

Di conseguenza non è possibile escludere in assoluto che la vittima dell'errore giudiziario abbia subito un danno psicologico che si sia protratto anche successivamente, con una perdita o una riduzione di funzioni vitali.

Nell'affermare tutto ciò, la Cassazione ha inoltre precisato che per procedere alla valutazione di tale danno è oltretutto possibile ricorrere a criteri equitativi, che comunque siano logici e non giungano in maniera irragionevole e priva di motivazione a un risultato distante dal criterio tabellare che utilizza generalmente la giurisprudenza civile.

Nel caso di specie, quindi, il va accolto il ricorso della vittima dell'errore: nessuna voce di danno subito a seguito dell'ingiusta detenzione e della "forzata" latitanza in Sudamerica può essere trascurata.

Il giudice del rinvio è chiamato a un nuovo esame.

Corte di cassazione testo sentenza numero 7787/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(26/02/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Avvocati: guida pratica per la stipula di un contratto di convivenza con fac-simile
» Per il fisco, il professionista non può lavorare gratis
» Separazione: addebito per il marito inchiodato dalla dichiarazione d'amore all'amante su Facebook
» Cassazione: l'insulto su Facebook può diventare stalking
» Scatta la mediazione obbligatoria sulla riconvenzionale

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin