Atti penali pubblicati, nessun danno ai privati ma solo allo Stato

Le Sezioni Unite nel caso Mediaset affermano che l'art. 684 c.p. ha quale obiettivo esclusivo l'interesse dello Stato al corretto funzionamento della giustizia
strillone che urla la notizia sui giornali

di Marina Crisafi - È escluso il danno alle parti se il giornale pubblica arbitrariamente gli atti di un procedimento penale. L'art. 684 c.p. infatti che sanziona tale condotta ha quale esclusivo scopo quello di tutelare l'interesse dello Stato al corretto funzionamento dell'attività giudiziaria. Per cui i privati non hanno diritto ad un'autonoma pretesa di risarcimento soltanto per la violazione di tale norma. A stabilirlo sono le sezioni unite della Cassazione, con la sentenza n. 3727/2016 depositata ieri (qui sotto allegata), pronunciandosi sul noto caso Mediaset.

La vicenda

Il caso prendeva le mosse da un articolo pubblicato da Repubblica nel 2005 che traeva spunto dall'avviso di conclusione delle indagini effettuate dalla Procura di Milano sulla presunta frode fiscale nella compravendita di diritti televisivi, commessa da parte dei vertici dell'azienda fondata dall'allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

Mediaset chiedeva il risarcimento dei danni subiti alla società editrice (il gruppo editoriale L'espresso), al direttore della testata e al giornalista, per la violazione sia delle norme sulla privacy sia dell'art. 684 c.p.

La decisione

Ma la Cassazione, sposando una tesi minoritaria in giurisprudenza, ha rigettato le richieste.

Il punto su cui si sono concentrate le sezioni unite civili, è la natura monoffensiva del reato ex art. 684 c.p.

Pur dando conto dell'orientamento prevalente che vede nella disposizione un reato di natura plurioffensiva, diretto a tutelare anche la dignità e reputazione dei partecipanti al processo e non solo l'interesse dello Stato al funzionamento della giustizia, dal Palazzaccio escludono invece che la norma tuteli automaticamente anche le parti coinvolte nel processo penale, senza una concreta lesione della reputazione o riservatezza.

Determinante, in tal senso, è l'articolo 114, ultimo comma, c.p.p., secondo il quale è sempre consentita la pubblicazione del contenuto di atti non coperti da segreto. Il legislatore, osservano le S.U., consentendo la divulgazione di sintesi o parafrasi di tali atti ha voluto conciliare l'impianto accusatorio col diritto ad informare e ad essere informati.

"La scelta operata dal legislatore nel 1988 – si legge nella sentenza, si rivelerebbe - priva di senso ove la si voglia ritenere preordinata a tutelare anche la dignità e la reputazione dei soggetti che, in varia guisa, partecipano al processo. Non si vede, invero, come siffatti beni possano essere conculcati dalla riproduzione testuale degli atti processuali più che dalla esplicitazione del loro contenuto, che mette in ogni caso sulla piazza vicende personali della parte di volta in volta interessata".

Per di più nell'articolo venivano riportate meramente le risposte riprese dall'interrogatorio dell'avvocato inglese David Mills, considerate dalla Corte riproduzioni "marginali e minime".

Per cui la richiesta è respinta.

Cassazione, sentenza n. 3727/2016
Print Friendly and PDF
newsletter
(26/02/2016 - Marina Crisafi) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Trattare la moglie come una colf è reato ...
» Addio multa se manca la ricevuta che attesta la ricezione della CAD
» Il preliminare di immobile abusivo
» Remissione tacita di querela se la persona offesa avvertita dal giudice è assente in udienza
» Licenziato chi non controlla se il certificato di malattia è arrivato all'INPS

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin