È l'ex proprietario dell'auto a dover comunicare i dati di chi ha commesso l'infrazione

La Cassazione precisa che non può essere sanzionato per mancata collaborazione chi abbia acquistato la proprietà solo successivamente
di Valeria Zeppilli – Le necessità di collaborare con la pubblica amministrazione comportano, tra gli altri, l'obbligo per il proprietario di un veicolo di comunicare i dati di colui che si trovava alla guida dello stesso al momento in cui è stata commessa un'infrazione.

Tale obbligo, tuttavia, non può ritenersi sussistente nei confronti del soggetto che abbia acquistato il possesso del veicolo solo successivamente alla data in cui è stata commessa la violazione idonea a comportare la decurtazione dei punti dalla patente di guida.

Come giustamente evidenziato dalla Corte di cassazione con la sentenza numero 3655/2016, depositata il 24 febbraio 2016 (qui sotto allegata), tale soggetto non può di certo rispondere dell'errore commesso dall'autorità procedente al momento della consultazione dei pubblici registri: l'unica persona alla quale è possibile richiedere i dati del conducente e che può essere sanzionata legittimamente nel caso in cui non provveda all'adempimento dell'obbligo di comunicazione è solo colui che era proprietario al momento in cui è stata commessa la violazione.

Nel caso di specie è stata quindi accolta, proprio per tale ragione, l'opposizione proposta da un cittadino avverso un verbale con il quale gli era stata contestata la violazione dell'articolo 126-bis del codice della strada per non aver provveduto alla comunicazione delle generalità del conducente che era incorso nella violazione di eccesso di velocità, di cui all'articolo 142, comma 8, del codice della strada.

Al momento della violazione, infatti, egli non era proprietario dell'auto.


Corte di cassazione testo sentenza numero 3655/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/02/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: arriva la polizza per tutelarsi dai clienti che non pagano
» Il mobbing
» Facebook: mai accettare richieste di amicizia da sconosciuti
» I diritti dei conviventi nel nuovo art. 230-ter del codice civile
» Gratuito patrocinio: in vigore la compensazione per gli avvocati

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin