Insultare l'ausiliario del traffico non è oltraggio a pubblico ufficiale

Dato che il vigilino è da considerarsi incaricato di pubblico servizio, prendersela troppo con lui può integrare "solo" il reato di ingiurie
Automobilista arrabbiato che fa un gesto volgare con la mano
di Valeria Zeppilli – Gli ausiliari del traffico sono diventati i nemici di molti cittadini, che si sfogano con loro per le multe ricevute a seguito di un parcheggio irregolare.

Sebbene insultare una persona, che peraltro sta compiendo il suo lavoro, è comunque cosa a dir poco sconveniente, la Cassazione ha recentemente chiarito che in simili ipotesi non può ritenersi configurata un'ipotesi di oltraggio a pubblico ufficiale...e la sanzione per chi si "lascia andare" è mitigata rispetto a quella che si potrebbe temere.

In particolare, ad aver fatto chiarezza sulla questione è stata la sentenza numero 6880/2016, depositata il 22 febbraio (qui sotto allegata).

I giudici di legittimità hanno infatti in tale occasione sancito che, nonostante le incertezze interpretative del passato, l'ausiliario del traffico, quando accerta e contesta violazioni che attengono al divieto di sosta nella aree oggetto di concessione, non deve essere considerato pubblico ufficiale ma incaricato di pubblico servizio.

Egli, infatti, esercita in tali occasioni i compiti attribuitigli dal comma 132 dell'articolo 17 della legge numero 127/1997.

Gli insulti rivolti all'ausiliario potrebbero quindi, semmai, integrare il reato di ingiurie. Dato che però nel caso di specie questo reato non è stato contestato (e che comunque ormai è stato oggetto peraltro di depenalizzazione) l'imputato può tirare un sospiro di sollievo. 

Solo parzialmente però: resta la condanna per violenza privata scaturita dall'aver impedito all'ausiliario di allontanarsi agevolmente dall'area di parcheggio dopo aver emesso la multa!

Corte di cassazione testo sentenza numero 6880/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(24/02/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Strisce blu: niente multa se il ticket è scaduto
» Se un giudice e un avvocato sono amici su Facebook...
» Brexit: si apre la strada a nuove opportunità per gli avvocati
» Sinistri stradali: chi investe il pedone è responsabile anche se attraversa fuori dalle strisce
» Cancellazione Centrale Rischi: ora è possibile esperire il procedimento ex art. 700 c.p.c.

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin