Startup online e senza notaio: arriva il decreto

Il Mise ha reso noto l'ok per una procedura dematerializzata e gratuita che offrirÓ alle startup innovative modelli per la creazione dell'azienda
start up innovative
di Lucia Izzo - Il nuovo step per agevolare la nascita di start up innovative, fenomeno che secondo Aster conta oltre 5.100 imprese in Italia, porta la firma del ministro Federica Guidi: un comunicato del ministero dello Sviluppo economico ha reso noto l'ok al decreto che permetterÓ di costituire start up innovative (disciplinate dall'articolo 25 del D.L. 179/2012) permettendo di redigere autonomamente sia l'atto costitutivo che lo statuto, profittando di un modello standard con firma digitale. 

Un successivo decreto direttoriale, previsto per i prossimi giorni, approverÓ la piattaforma informatica e la modulistica, direttamente compilabile online, destinata alla trasmissione e iscrizione al Registro delle imprese. 
I soci della start up potranno compilare gli atti direttamente oppure avvalersi dell'Ufficio del Registro delle imprese che provvederÓ ad autenticare le sottoscrizioni e all'iscrizione in tempo reale; la nuova societÓ potrÓ dunque venire ad esistenza dopo l'apposizione dell'ultima firma.
   
Ferma restando la possibilitÓ di costituire la societÓ per atto pubblico, la procedura di creazione della start up sarÓ accessibile sia online, a mezzo di una piattaforma web attualmente in fase di realizzazione da parte del Mise con Infocamere, che gratuitamente senza necessita di ricorrere ad un notaio.

Per conoscere nel dettaglio il testo del decreto bisognerÓ attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, tuttavia appaiono chiare le modalitÓ operative dell'operazione a cura della Direzione generale per la Politica industriale e dalla Direzione mercato e concorrenza: il portale online, con una procedura dematerializzata e gratuita, offrirÓ alle start up dei modelli standard per la redazione di statuto e atto costitutivo, nei quali sarÓ permesso individuare al meglio le peculiari caratteristiche d'impresa.

Stante la gratuitÓ dell'operazione, con firma digitale, non sarÓ necessario l'assistenza di un notaio: la fase post registrazione, che prevede la ratifica del Registro Imprese e l'assegnazione della partita Iva effettuata dall'Agenzia delle Entrate, richiederÓ i necessari tempi tecnici, probabilmente una decina di giorni.

(22/02/2016 - Lucia Izzo)
Le pi¨ lette:
» Le 5 domande che un avvocato non dovrebbe mai porre a un testimone
» Muro al confine: le regole del codice civile
» Il reato di concussione
» Il testimone Ŕ il tuo peggior nemico? Ecco come sconfiggerlo!
» Divorzi: in aumento per colpa della dieta e della cucina di mammÓ!

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin