Lo Stato toglie alle vedove e dà ai cappellani del Vaticano

Tre anni di servizio e pensione pagata dai cittadini. La denuncia e la petizione di Ciro Verrati su Change.org
monaco che prega

di Marina Crisafi - Lo Stato italiano toglie alle vedove per dare ai cappellani militari della chiesa. È questa la denuncia di Ciro Verrati presidente di Laicitalia e vice segretario nazionale di Democrazia Atea sull'Huffington Post, a corredo della petizione lanciata su Change.org.

Una petizione che ha raccolto in pochi giorni quasi 75mila firme e che mira a togliere un "ingiusto vitalizio e privilegio, che si va a sommare a una situazione già profondamente impari".

Verrati cita direttamente il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e per tre anni ordinario militare, ma è solo un esempio dei tanti "fortunati" cappellani militari pagati dallo Stato. Che in totale secondo uno studio costerebbero allo Stato qualcosa come 8 milioni di euro l'anno.

Si tratta di oltre 170 tra generali, colonnelli e capitani con la tonaca e senza armi il cui compito è fornire assistenza spirituale ai militari, i cui costi, in base a una norma figlia dei patti lateranensi del 1929, rimasta immutata nel 1984 quando fu siglato il nuovo concordato tra stato e chiesa, gravano sul bilancio della difesa e non su quello del Vaticano.

Una spesa-scandalo che va avanti per inerzia da molti anni, nonostante i diversi tentativi passati (tra cui quello dei radicali) e l'apertura (del 2014) verso un'intesa tra il ministero della difesa e la chiesa.

Scandalo ora riportato alla ribalta da Verrati che, prendendo spunto dalla polemica di questi giorni sui tagli delle pensioni di reversibilità alle vedove (vedi: Addio alla pensione di reversibilità: il Governo fa cassa sulle vedove), afferma: "In un momento in cui il Governo dichiara di dover raschiare il fondo del barile per pagare il debito pubblico, togliendo diritti e dignità ai cittadini e infierendo persino sulle vedove, trovo coerente andare a recuperare anche dove la Chiesa non permette intrusioni: i privilegi, le agevolazioni e le esenzioni a essa concesse dallo Stato italiano".

Ma non solo. A ciò si deve aggiungere il capitolo delle pensioni che stando ai dati dell'ordinariato militare, prosegue la petizione, negli ultimi vent'anni sono costate una cifra enorme ai cittadini, pari a 43mila euro lordi procapite per gli oltre 150 cappellani andati in pensione e che, peraltro, maturano con largo anticpo rispetto ai comuni mortali. Veri e propri "baby-pensionati" – si legge infatti su Change.org - "tra cui lo stesso cardinale Angelo Bagnasco, che non è solo presidente della Cei ma ex ordinario militare. Il prelato, che è anche un generale di brigata, ha diritto - secondo alcune fonti - ad una pensione attorno a 4.000 euro mensili. Nonostante abbia prestato servizio solo 3 anni, arrivato a 63 primavere ha maturato il vitalizio".

La petizione di Ciro Verrati è in questa pagina su hange.org


(21/02/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF