Sei in: Home » Articoli

Separazione: non bastano i maltrattamenti per far scattare l'addebito

Se il richiedente è stato la causa del venir meno degli affetti familiari, la condanna dell'ex coniuge per stalking non rileva a nulla
divorzio separazione coppia litigano
di Valeria Zeppilli – A volte, per far sì che la separazione venga addebitata a un coniuge i maltrattamenti di quest'ultimo non sono sufficienti

Infatti, se il coniuge richiedente è stato la causa del venir meno degli affetti familiari l'addebito non è così scontato.

Ad averlo precisato, in particolare, è il Tribunale di Roma che, con la sentenza numero 18817/2015 ha rigettato la richiesta di addebito della separazione fatta dalla moglie nei confronti dell'ex marito sulla base della condanna penale di quest'ultimo per stalking.

Per i giudici, infatti, tale condanna a nulla rileva ai fini perseguiti dalla donna, che, anzi, aveva intrapreso in pendenza del matrimonio (e prima dell'avvio dei comportamenti illeciti da parte del marito) una relazione extraconiugale.

Per il giudice capitolino, il fatto che il comportamento fedifrago della donna non sia stato documentalmente provato in giudizio è condizione sufficiente a salvare l'ex moglie dall'addebito, ma, al tempo stesso, è comunque idoneo a non addebitare la separazione neppure all'ex marito.

Dopo aver rigettato le rispettive domande di addebito, la sentenza in commento ha quindi disposto l'assegnazione alla donna della casa coniugale, nella quale vivere con il figlio minore, e stabilito in capo al marito la corresponsione di un assegno di mantenimento di 200 euro mensili e la ripartizione in parti uguali tra i due genitori delle spese straordinarie per il figlio.

Spese di giudizio compensate.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(16/02/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» Responsabilità medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF