Nuove regole in arrivo per tutelare i bambini dai maltrattamenti negli asili e scuole materne

Le prevede la legge delega sullo 0-6 attualmente all'esame del Senato
bambini figli infanzia
di Laura Tirloni - Mentre l'osservatorio dei minori denuncia un'emergenza rispetto ai casi di maltrattamento negli asili e nelle scuole materne, tristemente confermata dalla cronaca, in Parlamento approda l'esame della legge delega che mette in campo strumenti più accurati per supervisionare i maestri e gli educatori dei nidi e delle scuole materne, al fine di verificare la legittimità dei comportamenti tenuti con i minori.
Elevare il livello di istruzione delle educatrici fino alla laurea, svolgere obbligatoriamente una formazione continua in servizio e istituire un coordinamento pedagogico di vigilanza. Sono questi i tre punti cardine della legge delega sullo 0-6 che dovrà essere approvata in Senato entro la fine di quest'anno, secondo i dettami della 107, per contrastare i fenomeni di violenza. Episodi come quello avvenuto recentemente in provincia di Pisa, dove un'educatrice scolastica ha minacciato, umiliato e punito ripetutamente bambini da uno a tre anni, finché i carabinieri non hanno svelato, attraverso videoregistrazioni, gli episodi di maltrattamento che avvenivano in classe.
Al momento, i controlli su educatrici e maestre di asili nido e scuole dell'infanzia sono a macchia di leopardo e ancora regolati a livello comunale, dalle singole amministrazioni.
Alcune regioni, come l'Emilia Romagna e la Toscana, spesso all'avanguardia in tema di istruzione, si sono già prontamente dotate di leggi regionali che prevedono un coordinamento pedagogico per i docenti (una sorta di staff che verifica la capacità di educatori e maestri di occuparsi adeguatamente dei bambini) e regole molto severe per la supervisione dei minori.
Altre, come il Piemonte, la Sicilia o la Calabria, risultano, al contrario, decisamente indietro.
La senatrice Francesca Puglisi, promotrice del disegno di legge 1260, (progetto che è poi confluito nelle linee guida della Buona scuola), spiega che: "con la legge delega - si punta - a colmare un vuoto". E prosegue: "La qualità degli asili e la correttezza del comportamento di chi ha in custodia i bambini devono essere sottoposti a controlli rigorosi, sia che si tratti di asili gestiti direttamente dal Comune, sia convenzionati, che privati". E ancora: "Chiunque gestisca una struttura deve garantire serietà e rigore di comportamenti. I casi isolati, come quello di Pisa possono capitare, quello che possiamo fare è evitare che certe persone possano continuare a lavorare nelle scuole".

Da parte sua, il sociologo Antonio Marziale, presidente dell'Osservatorio sui diritti dei minori, chiede a gran voce che venga istituita per legge una visita periodica di 'tenuta emotiva' di chi si occupa dell'educazione dei bambini.

La legge delega dovrebbe essere in grado di rispondere a tutte queste istanze, anche se i lavori sembrano procedere a rilento, in quanto ancora si sta lavorando su molti altri punti, tra cui la suddivisione dei costi degli asili nido e delle scuole dell'infanzia, che andranno a costituire un unicum.






(14/02/2016 - Laura Tirloni)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF