L'aborto clandestino non è più reato ma donne punite fino a 10mila euro

Con il decreto depenalizzazioni la sanzione non è più penale ma il suo importo diviene sproporzionato e quasi per tutti insostenibile
madre gravidanza aborto

di Valeria Zeppilli – Tra le varie polemiche che il recente decreto depenalizzazioni, numero 8 del 2016, ha portato con sé, una che fa davvero discutere è quella avente ad oggetto il reato di aborto clandestino.

L'articolo 19 della legge n. 194/1978, infatti, prevedeva come pena per la donna che si sottopone ad aborto clandestino il pagamento di una multa fino a centomila lire, riquantificata in cinquantuno euro.

Tuttavia, a seguito della previsione dell'articolo 1 del decreto depenalizzazioni, che stabilisce che non costituiscono più reato le violazioni per le quali è prevista la sola pena della multa o dell'ammenda, oggi anche la previsione di cui al predetto articolo 19 esce dall'area del penalmente rilevante.

Ma qual è la conseguenza che fa tanto discutere? 

Quella che le donne che abortiscono clandestinamente rischiano ora di essere condannate a pagare non più massimo 51 euro all'esito di un accertamento giudiziario, ma una sanzione che, benché di carattere amministrativo, è assolutamente sproporzionata e quasi per tutti insostenibile: una sanzione cioè compresa tra diecimila e cinquantamila euro

È chiaro che si tratta di una previsione sperequata che, affiancandosi alle problematiche inerenti l'effettiva applicazione della legge 194 nelle strutture sanitarie a causa della presenza di un'altissima percentuale di medici obiettori di coscienza, aumenta l'intensità della luce dei riflettori attualmente puntati sulla materia degli aborti clandestini. 

Con la conseguenza che petizioni, dibattiti e polemiche impazzano sul web e tra i cittadini, in attesa di una soluzione imminente. 

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(12/02/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Fare l'avvocato può salvare dall'Alzheimer
» Avvocati e professionisti: arriva la polizza per tutelarsi dai clienti che non pagano
» Canone Rai errato? Puoi pagare solo la quota energia
» Mobile: le app 'must have' per avvocati 2.0
» Assunzione mille nuovi cancellieri, sì della Camera

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin