Diritto Penale

L'aborto clandestino non è più reato ma donne punite fino a 10mila euro

Con il decreto depenalizzazioni la sanzione non è più penale ma il suo importo diviene sproporzionato e quasi per tutti insostenibile
madre gravidanza aborto

di Valeria Zeppilli – Tra le varie polemiche che il recente decreto depenalizzazioni, numero 8 del 2016, ha portato con sé, una che fa davvero discutere è quella avente ad oggetto il reato di aborto clandestino.

L'articolo 19 della legge n. 194/1978, infatti, prevedeva come pena per la donna che si sottopone ad aborto clandestino il pagamento di una multa fino a centomila lire, riquantificata in cinquantuno euro.

Tuttavia, a seguito della previsione dell'articolo 1 del decreto depenalizzazioni, che stabilisce che non costituiscono più reato le violazioni per le quali è prevista la sola pena della multa o dell'ammenda, oggi anche la previsione di cui al predetto articolo 19 esce dall'area del penalmente rilevante.

Ma qual è la conseguenza che fa tanto discutere? 

Quella che le donne che abortiscono clandestinamente rischiano ora di essere condannate a pagare non più massimo 51 euro all'esito di un accertamento giudiziario, ma una sanzione che, benché di carattere amministrativo, è assolutamente sproporzionata e quasi per tutti insostenibile: una sanzione cioè compresa tra diecimila e cinquantamila euro

È chiaro che si tratta di una previsione sperequata che, affiancandosi alle problematiche inerenti l'effettiva applicazione della legge 194 nelle strutture sanitarie a causa della presenza di un'altissima percentuale di medici obiettori di coscienza, aumenta l'intensità della luce dei riflettori attualmente puntati sulla materia degli aborti clandestini. 

Con la conseguenza che petizioni, dibattiti e polemiche impazzano sul web e tra i cittadini, in attesa di una soluzione imminente. 

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(12/02/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF