Avvocati: arriva l'equo compenso

La proposta di legge del Consiglio nazionale forense per impedire le convenzioni capestro a danno della categoria
avvocati contratto

di Marina Crisafi - Un equo compenso per gli avvocati al fine di impedire le convenzioni "capestro" imposte soprattutto dalle grandi imprese, come banche e assicurazioni. È questa la proposta di legge varata dal Consiglio Nazionale Forense e promossa durante l'agorà degli ordini forensi nei giorni scorsi.

Dall'esame di numerose convenzioni tra i legali e i c.d. "grandi committenti" (banche e assicurazioni in primis, ma anche grandi imprese, altri professionisti, enti pubblici), relativamente all'attività di consulenza o di rappresentanza in giudizio, si legge infatti nel comunicato stampa del Cnf, emergono diverse clausole "capestro" che non rispettano la proporzione tra gli onorari spettanti ai legali in base alla qualità e alla quantità del lavoro svolto su mandato.

Da qui l'esigenza di un intervento normativo che, a detta del Cnf, mira a tutelare i compensi dei professionisti in tutti i rapporti contrattuali con i "clienti forti", attraverso l'istituzione di una commissione ad hoc, presso il ministero della giustizia, che si occupi di valutare l'equo compenso nella professione forense, definendone i criteri di base ed individuando "gli operatori economici che ne garantiscano il rispetto dandone adeguata pubblicità".

La proposta, inoltre, che verrà rappresentata nei prossimi giorni innanzi al Governo e al Parlamento, definisce anche le tipologie di clausole abusive, ossia quelle che prevedono condizioni contrattuali contrari all''equo compenso, decretandone la nullità.

Ma non solo. Dall'agorà degli ordini è emersa un'altra importante iniziativa che coinvolge in prima linea gli avvocati: una proposta di legge per l'inserimento nei piani dell'offerta formativa delle scuole, di lezioni di educazione civica tenute proprio dagli avvocati. Il fine è quello di promuovere la legalità e il diritto nelle scuole di primo e secondo grado, al fine di combattere fenomeni come il bullismo e la discriminazione e un apposito protocollo, tra Cnf e Miur, si occuperà di disciplinarne le modalità anche attraverso la stipula di convenzioni locali tra i consigli territoriali forensi e le direzioni scolastiche regionali.

Print Friendly and PDF
newsletter
(06/02/2016 - Marina Crisafi) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Strisce blu: niente multa se il ticket è scaduto
» Se un giudice e un avvocato sono amici su Facebook...
» Brexit: si apre la strada a nuove opportunità per gli avvocati
» Sinistri stradali: chi investe il pedone è responsabile anche se attraversa fuori dalle strisce
» Cancellazione Centrale Rischi: ora è possibile esperire il procedimento ex art. 700 c.p.c.

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin