Sei in: Home » Articoli

Assenze e scarso rendimento del lavoratore: non sussiste il giustificato motivo

Nota di commento alla sentenza n. 17436/2015 della Sezione Lavoro della Corte di Cassazione
lavoro lavoratore licenziamento strada

di Annalisa Sassaro - La corte di Cassazione (sez. Lavoro) con sentenza n. 17436 del 02/09/2015 ha ribadito un orientamento ormai consolidato in tema di licenziamento per giustificato motivo. Nel caso di specie, si è sottoposta alla Suprema Corte la pronunzia della Corte d'Appello di Milano che dichiarava l'illegittimità dell''esonero del lavoratore dal servizio per scarso rendimento dovuto all'elevato numero di assenze. La S.C. rigetta il ricorso principale confermando la decisione della Corte d''Appello.

La Suprema Corte dichiara che, in caso di reiterate assenze del prestatore di lavoro, il datore non può licenziarlo invocando il giustificato motivo ex art. 3 legge 604/66 apportando come motivazione del licenziamento lo scarso rendimento determinato dalle assenze del prestatore di lavoro. La Corte infatti ben individua il discrimen tra le fattispecie, indebitamente assunte ad unità, decretandone l''inconciliabilità.

Il licenziamento può essere previsto una volta che il cosiddetto periodo di comporto –periodo massimo di malattia fissato dal contratto nazionale o, in mancanza, ex aequo- si sia esaurito. Il licenziamento per scarso rendimento – ben lungi da essere oggetto di abusato utilizzo giurisprudenziale - rappresenta un quid totalmente diverso. Lo scarso rendimento ai fini del licenziamento è da ricollegare solo ed esclusivamente ad imperizia, incapacità e negligenza escludendo in toto ogni collegamento di esso con le assenze dovute a malattia.

Ad adiuvandum, la Corte rileva un ulteriore elemento discretivo; in caso di scarso rendimento è presente un comportamento colpevole del prestatore di lavoro mentre, in caso di malattia, la patologia è considerata alla stregua di forza maggiore, elemento quindi che esula totalmente dalla volontà del lavoratore.

In conclusione si afferma che, in caso di ripetute assenze del dipendente per malattia, il datore di lavoro non può licenziarlo per giustificato motivo ex art 3 legge 604/66, ma può solo esercitare il recesso una volta esaurito il periodo di comporto.

(13/02/2016 - Annalisa Sassaro)
Le più lette:
» Avvocati: ne resteranno solo 100mila
» Stalking: reato cancellato con i soldi … anche se la vittima non vuole
» Usucapione: il possesso dei genitori si trasmette ai figli
» Multe non pagate? Niente passaporto
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo