Cassazione: dare uno schiaffo all'alunno è maltrattamento

Confermata dalla Cassazione la condanna ad un'insegnante per il più grave reato di maltrattamenti e non per quello di abuso dei mezzi di correzione
uomo che dà schiaffo bambino

di Marina Crisafi - Va condannata per il più grave reato di maltrattamenti e non per quello di abuso dei mezzi di correzione, la maestra che dà schiaffi agli alunni. Lo ha affermato la Cassazione (con la sentenza n. 4170/2016 depositata ieri, qui sotto allegata), confermando la condanna di un'insegnante della Val Camonica (in provincia di Brescia) arrestata nel 2012, in quanto colta in flagrante dai carabinieri, mentre schiaffeggiava un alunno di terza elementare.

La sesta sezione penale ribalta la sentenza della Corte d'Appello che aveva riqualificato l'imputazione in senso più favorevole all'insegnante, quale abuso dei mezzi di correzione o di disciplina continuato e percosse, in quanto non tutti i casi presi in esame rappresentavano "comportamenti inequivocabilmente vessatori" e comunque l'agente aveva agito "nel convincimento di perseguire il fine di educare e correggere la vittima".

La stessa imputata riconosceva sostanzialmente i fatti indicandone le ragioni nella propria scelta di metodi di insegnamento improntati alla severità.

Ma per gli Ermellini va accolto il ricorso del procuratore generale che chiedeva una condanna più severa.

L'uso sistematico della violenza – hanno ribadito infatti i giudici della S.C. – "quale ordinario trattamento del minore, anche lì dove fosse sostenuto da animus corrigendi, non può rientrare nell'ambito della fattispecie di abuso dei mezzi di correzione, ma concretizza, sotto il profilo oggettivo e soggettivo, gli estremi del più grave delitto di maltrattamenti".

Parola dunque al giudice del rinvio che dovrà determinare nuovamente la pena sulla base dei principi affermati.

Cassazione, sentenza n. 4170/2016
Print Friendly and PDF
newsletter
(03/02/2016 - Marina Crisafi) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Gli avvocati sono davvero così bravi anche a letto?
» Compiuta giacenza: quando la notifica è nulla
» Insidie stradali: va risarcito il pedone che inciampa sul 'basolo' sconnesso
» Mantenimento: la patente per il figlio è spesa necessaria e non va concordata
» Negoziazione assistita: i modelli ufficiali del Cnf per gli avvocati

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin