Legittima difesa: spetta a chi aggredisce dimostrare che la reazione è stata eccessiva

Per la Cassazione non si può gravare chi è stato aggredito anche dell'onere di dimostrare che la propria condotta non è stata sproporzionata
mediazione lite
di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 1665 depositata il 29 gennaio 2016 (qui sotto allegata), la terza sezione civile della Corte di cassazione è intervenuta, in maniera interessante, su un argomento alquanto spinoso: quello della legittima difesa, prevista dall'articolo 52 del codice penale.

I giudici, in particolare, hanno affermato che non è legittimo gravare colui che ha posto in essere una condotta comunque riconducibile alla legittima difesa anche dell'onere di dimostrare che la propria condotta non è stata eccessiva.

Ciò, più in particolare, in ragione del principio di vicinanza della prova e laddove non è detto che

tale soggetto, nel difendersi, abbia potuto avere una completa cognizione delle conseguenze della propria reazione, mentre l'aggressore, con certezza, conosceva ogni conseguenza della difesa dell'aggredito.

Peraltro, per i giudici, se il soggetto aggredito dimostra l'esistenza dell'illecita aggressione, dimostra con ciò anche di aver a sua volta posto in essere una condotta che può essere ricondotta all'articolo 52 del codice penale.

Nel caso di specie, in particolare, la legittima difesa era stata esercitata durante una brutta lite tra fratelli: provato da parte di uno di essi, avvalendosi del giudicato penale, il fatto che l'altro aveva commesso un reato nei suoi confronti, ciò, in ragione della natura di tale reato, è da ritenersi per la Corte del tutto congruo a costringere la vittima a una reazione difensiva.

E dato che nell'allegazione della legittima difesa è inclusa l'allegazione di una totale legittimità della condotta difensiva, ciò basta per scriminare l'aggredito.

È controparte, a questo punto, a dover semmai provare che la difesa è stata eccessiva.

Il ricorso del fratello aggredito contro la sentenza della Corte di appello che lo aveva condannato a risarcire l'aggressore va quindi accolto.

Corte di cassazione testo sentenza numero 1665/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(01/02/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Strisce blu: niente multa se il ticket è scaduto
» Se un giudice e un avvocato sono amici su Facebook...
» Brexit: si apre la strada a nuove opportunità per gli avvocati
» Sinistri stradali: chi investe il pedone è responsabile anche se attraversa fuori dalle strisce
» Cancellazione Centrale Rischi: ora è possibile esperire il procedimento ex art. 700 c.p.c.

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin