Avvocati: le spese generali sono sempre dovute anche se il giudice non le menziona

Per la Corte di appello di Roma la svista è emendabile sia se fatta in sentenza che se fatta in altro provvedimento con natura decisoria
avvocato scrive notaio leggi sentenza giustizia contratto

di Valeria Zeppilli – La giurisprudenza di legittimità è ormai consolidata: le spese generali spettano all'avvocato anche se nel dispositivo di un provvedimento con natura decisoria non sono state espressamente menzionate.

Non solo se la dimenticanza è fatta in una sentenza, quindi, ma anche quando è fatta in qualsiasi altro provvedimento con il quale si decide giudizialmente su di una questione controversa.

Se insomma i giudici dimenticano di liquidare le spese generali, possono tranquillamente disporre la correzione dell'errore materiale per porre rimedio alla "svista". Ed accontentare così gli avvocati erroneamente privati di un importo non elevatissimo ma neanche del tutto trascurabile.

Questo è quanto precisato recentemente da un'interessante ordinanza emessa dalla Corte di appello di Roma.

I giudici della prima sezione civile, in particolare, hanno accolto le richieste presentate da un legale: al provvedimento con il quale ad esso sono stati liquidati i compensi deve aggiungersi la dicitura "oltre spese generali".

Dato che nel dispositivo con il quale al suo assistito erano stati riconosciuti i danni per violazione del diritto all'immagine e alla reputazione personale la precisazione circa queste specifiche competenze dell'avvocato non era stata fatta, occorre ora porre rimedio.

E la Corte di appello laziale non ci ha pensato due volte: l'avvocato potrà ora legittimamente esigere quanto a lui spettante.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Le 5 cose da fare prima di dire a tuo marito (o a tua moglie) che ti vuoi separare
» Whatsapp, addio privacy: i dati saranno ceduti a Facebook
» Parchimetro rotto: come evitare la multa?
» Pacca sul sedere: è reato se la mano rimane sul lato B

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF