Sei in: Home » Articoli

Nuova soglia contante: nessuna sanzione per le violazioni precedenti

In arrivo la circolare del MEF che dovrebbe consentire l'applicazione del principio del favor rei per le vecchie infrazioni non eccedenti i 3mila euro
euro soldi crisi fallimento

di Valeria Zeppilli – Come noto, con la legge di stabilità 2016, il Governo ha elevato la soglia massima di utilizzo del contante, portandola da mille euro a tremila euro. 

L'utilizzo di denaro liquido, quindi, è oggi più agevole e meno rischioso.

Chissà, però, che fine faranno le violazioni commesse, senza eccedere i tremila euro, fino al 31 dicembre...

Dai rumors circolanti tra gli operatori del settore, come riportato dal quotidiano ItaliaOggi, è in arrivo una circolare del Ministero dell'economia e delle finanze in base alla quale, a simili ipotesi, si dovrebbe applicare il principio del favor rei, con la conseguenza di far sparire in alcuni casi le sanzioni che, se la normativa non fosse mutata con l'arrivo del nuovo anno, avrebbero dovuto essere applicate.

Insomma: chi abbia utilizzato il contante per una cifra superiore a mille euro ma inferiore a tremila euro prima della legge di stabilità, potrebbe ritenersi "salvo" rispetto alle conseguenze sanzionatorie che il proprio comportamento illecito avrebbe dovuto produrre.

Del resto è proprio il MEF che, dal 1° febbraio 2012 è competente a sanzionare le violazioni della disciplina inerente le operazioni in contanti, con la conseguenza che non ci si potrebbe attendere da altri un provvedimento idoneo a fare chiarezza circa le modalità di gestione dei procedimenti sanzionatori ancora pendenti.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF