Addio ticket su 203 visite ed esami: se superflui si pagano di tasca propria. In vigore il decreto

Tra risonanze magnetiche, esami e visite specialistiche sono 203 le prestazioni sanitarie che se inappropriate saranno poste totalmente a carico dei cittadini
medico visita sanita

di Marina Crisafi – Addio a risonanze magnetiche, esami di laboratorio o visite specialistiche convenzionate. D'ora in poi potranno essere prescritte dal medico curante soltanto se rispettano dei criteri ben precisi, altrimenti saranno totalmente a carico del paziente. È in vigore, infatti, il decreto c.d. "appropriatezza" che stabilisce le condizioni di erogabilità e le indicazioni prescrittive di ben 203 prestazioni di specialistica ambulatoriale, pubblicato il 20 gennaio scorso in Gazzetta Ufficiale (qui sotto allegato).

Le prestazioni, elencate nell'allegato al decreto, riguardano le seguenti materie: odontoiatria, genetica, radiologia diagnostica, esami di laboratorio, dermatologia allergologica, medicina nucleare.

Ciò significa che per una serie di esami di routine e visite specialistiche che riguardano la prevenzione di diverse patologie, i cittadini, se non rientrano nelle condizioni erogabilità definite dal decreto, non potranno più pagare soltanto il ticket ma sostenere l'intero costo.

Tali condizioni si riferiscono alle specifiche circostanze riferite "allo stato clinico o personale del destinatario, alla particolare finalità della prestazione (terapeutica, diagnostica, prognostica o di monitoraggio di patologie o condizioni)".

Ad esempio, ai fini della prescrizione di prestazioni di radiologia diagnostica, saranno condizioni di erogabilità la "patologia oncologica", il "sospetto oncologico" o le complicanze post-chirurgiche; l'esame del colesterolo sarà consentito solo a soggetti in età superiore a 4° anni e con fattori di rischio cardiovascolare elevati (ecc.); le prestazioni odontoiatriche dovranno valutarsi in base alle condizioni di "vulnerabilità sanitaria", ossia alle condizioni sanitarie che le rendono indispensabili, o di "vulnerabilità sociale" (condizioni di svantaggio sociale ed economico).

Scaturito tra mille polemiche nell'ambito del decreto enti locali approvato l'estate scorsa (leggi: "Il decreto omnibus è legge: visite ed esami superflui si pagheranno di tasca propria"), il provvedimento continua a suscitare polemiche


da parte dei camici bianchi, per la previsione di sanzioni, consistenti in una decurtazione sul salario accessorio, cui incorreranno i medici che prescrivano a carico del Ssn prestazioni inappropriate, nonché per una scelta che, a detta di Costantino Troise, segretario del maggiore dei sindacati di categoria, Anaao-Assomed, che costringerà i medici, per sapere come curare i pazienti a "leggere la Gazzetta Ufficiale e non più i testi scientifici".

Il decreto del Ministero della Salute del 9 dicembre 2015
Allegato contenente l'elenco delle 203 prestazioni
Print Friendly and PDF
newsletter
(25/01/2016 - Marina Crisafi) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Gli avvocati sono davvero così bravi anche a letto?
» Compiuta giacenza: quando la notifica è nulla
» Insidie stradali: va risarcito il pedone che inciampa sul 'basolo' sconnesso
» Mantenimento: la patente per il figlio è spesa necessaria e non va concordata
» Negoziazione assistita: i modelli ufficiali del Cnf per gli avvocati

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin