Ti graffiano la macchina con un chiodo? Non c'è reato!

Con la recente depenalizzazione, scompare il danneggiamento come reato e la tutela che resta è solo quella civile
auto multe

di Valeria Zeppilli – La recente opera di depenalizzazione attuata dal Governo (leggi: "Ingiuria, marijuana, guida senza patente: ecco tutti i reati definitivamente cancellati") ha dato, inevitabilmente, adito a numerosi dibattiti tra favorevoli e contrari al passaggio di consegne dal mondo penale a quello amministrativo.

Un reato depenalizzato che non ha dimenticato di far parlare di sé è di certo quello del danneggiamento (leggi: "Fare "danni" agli altri non è più reato salvo aggravanti").

Si pensi al caso, assai frequente, in cui un soggetto "dispettoso" prenda un chiodo e righi la fiancata dell'auto del vicino o del conoscente "antipatico" o che trovi in tale attività un mezzo per sfogarsi o, nel suo strano modo, divertirsi.

Bene: se prima i rischi che correva erano di carattere penale, ora non è più così.

Niente più pericolo di reclusione fino a un anno o multa fino a 309 euro.

Oggi la sanzione è quella civile compresa tra cento e ottomila euro, della quale lo Stato si avvarrà per progetti di riqualificazione dell'edilizia giudiziaria e per il reinserimento sociale dei detenuti.

Almeno se l'auto non è parcheggiata sulla pubblica via, nel qual caso si rientra nell'ipotesi di danneggiamento aggravato e il reato resta.

E la persona che, svegliatasi la mattina e pronta ad andare al lavoro, scende nel cortile condominiale e trova la sua macchina rigata, cosa dovrà fare da ora?

Scomparsa la querela, occorre rivolgersi direttamente al giudice civile per chiedere il risarcimento del danno, mettendo in moto la lenta macchina giudiziaria in questo modo.

Nella speranza che il colpevole non sia nullatenente. In tal caso, è quasi meglio che vittime e Stato abbandonino la speranza di farsi pagare!

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(22/01/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Gli avvocati sono davvero così bravi anche a letto?
» Qualche volta è anche lei a dover mantenere l'ex marito!
» La compiuta giacenza
» Pignoramento: il giudice può chiuderlo anche dopo un'asta
» Negoziazione assistita: no a due avvocati dello stesso studio

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin