"Mamma, lascio la scuola": nessuna colpa per i genitori!

La Cassazione ricorda che l'art. 731 c.p. interviene solo per l'abbandono di scuole elementari e medie. Nessuna normativa ha esteso la sanzione oltre l'istruzione secondaria inferiore
bus scuola id10133
di Lucia Izzo - Non scocca la scintilla con i testi scolastici, meglio puntare su altre attitudini e, probabilmente, iniziare già a pensare a un lavoro. 
Ma per il Giudici di Pace l'addio alla scuola della ragazza è "colpa" dei genitori che vengono condannati alla pena di 30,00 euro di ammenda ciascuno, oltre al pagamento delle spese processuali, per il reato di cui all'art. 731 c.p. (Inosservanza dell'obbligo dell'istruzione elementare dei minori).

La decisione va, tuttavia, annullata perché il fatto non sussiste: lo ha deciso la Corte di Cassazione, terza sezione penale, con la sentenza 1363/2016 (qui sotto allegata).
Come sottolineato dai genitori, ricorrenti dinnanzi al Supremo Collegio, il Giudice di Pace ha erroneamente applicato l'art. 731 c.p., riferibile alla sola condotta omissiva di far impartire l'istruzione elementare, ritenendo la responsabilità degli imputati senza considerare che la loro figlia minore frequentava, invece, istituto di istruzione secondaria superiore.

Gli Ermellini chiariscono che la norma summenzionata "si limita a sanzionare l'inosservanza dell'obbligo, correlato alla legislazione vigente al momento della emanazione dei codice penale, di impartire ai minori l'istruzione elementare".
L'evoluzione normativa relativa all'istruzione obbligatoria ha visto elevarsi la soglia della scolarizzazione, tuttavia nessuna normativa ha contestualmente "introdotto una sanzione penale per l'inadempienza dello obbligo scolastico oltre la scuola media secondaria di primo grado; né una tale estensione può essere fatta dall'interprete perché si tradurrebbe in una inammissibile interpretazione analogica in malam partem"

L'articolo 731 cod. pen., quindi, punisce sia l'inosservanza dell'obbligo scolastico elementare che quello medio inferiore "ma non perché si tratti di una norma in bianco, ma perché il legislatore con la L. n. 1859 del 1962, art. 8 è intervenuto modificando il precetto di cui all'art. 731 c.p. ed estendendo la sanzione anche all'inosservanza dell'obbligo di frequentare la scuola media inferiore".

Nel caso esaminato risulta che la minore ha omesso di frequentare la scuola media superiore, pertanto si deve concludere che il fatto per cui è processo non sussiste.
Cassazione, III sez. penale, sent. 1363/2016
Print Friendly and PDF
newsletter
(23/01/2016 - Lucia Izzo) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» Gli avvocati sono davvero così bravi anche a letto?
» Insidie stradali: va risarcito il pedone che inciampa sul 'basolo' sconnesso
» Qualche volta è anche lei a dover mantenere l'ex marito!
» Mantenimento: la patente per il figlio è spesa necessaria e non va concordata
» La compiuta giacenza

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin