Cassa previdenza: si paga anche per le attività non professionali

Basta il nesso con l'attività per far scattare l'obbligo contributivo
Bilancia e martello

di Valeria Zeppilli – Con una sentenza dello scorso 28 settembre (la numero 4776/2015 qui sotto allegata), il Tribunale di Bari è intervenuto in maniera davvero interessate in materia di contribuzione dei liberi professionisti.

Più nel dettaglio, con tale pronuncia il giudice pugliese ha sancito che, per determinare l'assoggettabilità di determinati redditi alla contribuzione presso la Cassa previdenziale di categoria, non ci si deve limitare a fare riferimento alle attività tipiche della professione esercitata da chi li produce.

Sono infatti assoggettati a contribuzione presso la Cassa anche quei redditi che derivano da attività che, pur non tipiche della libera professione, presentano un nesso con essa, richiedendo le medesime competenze tecniche.

Insomma: l'esercizio della professione va interpretato in maniera dinamica, senza omettere di tenere in debita considerazione l'evoluzione che, nel mondo attuale, hanno subito le competenze e le cognizioni tecniche delle libere professioni.

Nel caso di specie, la questione riguardava un architetto che si era opposto alla cartella esattoriale emessa nei suoi confronti da Inarcassa, ma le cui ragioni non hanno trovato accoglimento dinanzi al Tribunale.

Tuttavia i giudici hanno precisato che la medesima interpretazione deve considerarsi estesa a tutte le categorie professionali. Tutti i liberi professionisti, insomma, possono essere esonerati dall'obbligo contributivo nei confronti della Cassa previdenziale di riferimento solo nel caso in cui non può ravvisarsi alcun tipo di "intreccio" tra l'attività produttrice di reddito e le conoscenze tipiche della libera professione esercitata.

Tribunale di Bari testo sentenza numero 4776/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Guida legale sull'assegno di mantenimento
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Carte di credito: occhio alla truffa del codice Cvv
» Ddl crocifisso: fino a mille euro di multa per chi si rifiuta di esporlo

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF