Diritto di Famiglia

Assegno divorzile: spetta anche al coniuge che occupi di fatto un immobile

Tale circostanza, infatti, è del tutto precaria e risolubile con gli ordinari strumenti per il recupero del possesso o della detenzione
coppia divorzio
di Valeria Zeppilli – L'obbligo di corrispondere l'assegno divorzile all'ex coniuge non viene meno nel caso in cui quest'ultimo occupi, di fatto, un immobile

Tale circostanza, infatti, è del tutto precaria e risolubile da parte dell'avente diritto con gli ordinari strumenti previsti dal nostro ordinamento per il recupero del possesso o della detenzione.

Il giudice dell'assegno divorzile, invece, è tenuto a calcolare la misura di quest'ultimo tenendo conto degli effettivi bisogni del coniuge più debole e della possibilità che questi siano soddisfatti misurando le disponibilità economiche di entrambe le parti interessate e i loro standard di vita a regime. Egli, viceversa, non deve tenere conto anche delle situazioni provvisorie, come tali destinate, prima o poi, a venire meno.

A chiarirlo è l'ordinanza numero 223, pubblicata dalla Corte di cassazione in data 11 gennaio 2016 (qui sotto allegata).

I giudici hanno anche precisato che, rispetto all'occupazione dell'immobile, non può trovare applicazione il principio in base al quale, ai fini della determinazione dell'assegno divorzile, è necessario tenere conto dell'intera consistenza patrimoniale dei coniugi, ricomprendendovi l'uso di una casa di abitazione in ragione del risparmio di spesa rispetto a un'eventuale locazione.

Infatti, nel caso di specie, l'appartamento risulta di fatto occupato e la valutazione di utilità fuoriesce dall'ambito dei valori legalmente posseduti da ciascuno dei coniugi.

Anche l'eventuale difficoltà di liberazione dell'immobile resta un dato di fatto estraneo alla ponderazione delle rispettive posizioni patrimoniali e reddituali.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 223/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(13/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Guide di diritto penale
» Magistrati: i 5 peggiori vizi che rendono furibondi gli avvocati
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF