Legge di stabilità 2016: per i pagamenti con carta di credito non serve il documento d'identità

I commercianti e i professionisti che rifiutano il pagamento tramite Pos saranno passibili di sanzioni
Carta di pagamento
di Valeria Zeppilli – Per pagare con carta di credito non è più indispensabile esibire il documento di riconoscimento.

Con l'arrivo del nuovo anno, se al momento di pagare ci verranno richiesti carta d'identità, patente o passaporto, potremo legittimamente rifiutarci di esibirli e pretendere comunque di pagare in maniera elettronica.

In realtà, che il documento di riconoscimento non sia necessario per il pagamento non è una novità: nessuna norma infatti autorizza gli esercenti commerciali a richiederne l'esibizione.

Il testo unico delle leggi in materia di pubblica sicurezza, al contrario, legittima alla richiesta solo carabinieri, polizia e guardia di finanza e i soggetti addetti a un pubblico servizio, come ad esempio i controllori di treni e autobus.

Cosa cambia quindi nel 2016?

Cambia che la legge di Stabilità, oltre ad aver innalzato il tetto massimo per i pagamenti in contanti, ha previsto che i commercianti e i professionisti che rifiutino il pagamento con strumenti elettronici siano sottoposti a specifiche sanzioni (demandate all'emanazione di apposito decreto attuativo).

Ciò al fine di rendere effettivo l'obbligo di dotarsi di Pos.

Pertanto, se un cliente si veda negata la possibilità di provvedere al pagamento in maniera elettronica a causa del rifiuto di mostrare il proprio documento di identità, potrà tutelarsi sporgendo denuncia contro l'esercizio commerciale o il professionista.

Questi, quindi, prima di negare una simile possibilità dovranno quantomeno pensarci due volte.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(05/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF