Sei in: Home » Articoli

Ex dipendenti? La mail va chiusa

Per il Garante della privacy, l'azienda deve disattivare gli account e non può controllarli in assenza di policy
posta risposta email

di Francesca Pietropaolo - Se il dipendente è stato licenziato o si è dimesso, il datore di lavoro deve "eliminare" la sua mail aziendale, dandone eventualmente comunicazione ai terzi e fornendo un indirizzo alternativo. Mentre, non può in alcun modo tenere aperto l'account di posta elettronica né reindirizzare in automatico ad altro utente i messaggi in ricezione.

Lo ha stabilito il Garante della Privacy, con il provvedimento n. 456/2015, reso noto nei giorni scorsi sul sito istituzionale, sanzionando il comportamento di una società che non aveva informato in modo trasparente e dettagliato i propri lavoratori sull'utilizzo degli strumenti informatici aziendali e sui controlli che avrebbe effettuato.

Invero, la società sanzionata aveva comunicato la chiusura delle caselle di posta elettronica di alcuni ex dipendenti, continuando invece a monitorarle, reindirizzando automaticamente i messaggi che pervenivano nelle loro mail verso l'account di altro dipendente in servizio e tenendo sotto controllo, di fatto, gli account per diverso tempo.

Il Garante, accogliendo il reclamo degli ex lavoratori, ha bocciato l'operato della società dichiarando illegittimo il trattamento dei dati personali così effettuato in violazione degli artt. 11 e 13 del Codice Privacy.

Il datore di lavoro, è precisato infatti nel provvedimento, "pur avendo la facoltà di verificare l'esatto adempimento della prestazione lavorativa e il corretto utilizzo degli strumenti di lavoro da parte dei dipendenti, deve in ogni caso salvaguardarne la libertà e la dignità e , in applicazione dei principi di liceità e correttezza dei trattamenti di dati personali, informare in modo chiaro e dettagliato, circa le consentite modalità di utilizzo degli strumenti aziendali e l'eventuale effettuazione di controlli anche su base individuale".

Francesca Pietropaolo – legale.pietropaolo@gmail.com

Ordine degli Avvocati di Roma Sez. Speciale D.lgs 96/2001

Advocat Ilustre Colegio Sant Feliu de Llobregat

(19/12/2015 - Avv.Francesca Pietropaolo)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Tasso di mora usurario: conversione del mutuo oneroso in gratuito
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
In evidenza oggi
Cellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivoCellulare alla guida: via la patente da subito e multe fino a 2.500 euro. Le novità in arrivo
Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercatoSinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF