Sei in: Home » Articoli

Tribunali: dal prossimo anno sentenze disponibili online gratis e per tutti

Nasce la banca dati della giurisprudenza di merito
computer telematico

di Marina Crisafi - Dal 31 dicembre 2016 nascerà la banca dati della giurisprudenza di merito che consentirà a tutti di leggere e scaricare i provvedimenti dei tribunali, delle corti d'appello e dei giudici di pace in modo gratuito. 

A prevederlo è il decreto del ministero della giustizia dell'1 ottobre 2015, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 255 del 2 novembre scorso, istitutivo dell'Ufficio del processo (leggi: “L'ufficio del processo è realtà: tribunali aperti a praticanti avvocati e stagisti”).

Sarà proprio a cura di tali costituende strutture, ex art. 7 del decreto, che dovrà essere implementata la banca dati, con la selezione dei provvedimenti da inserire nella stessa, sulla base dei criteri fissati dal presidente della corte d'appello o del tribunale, avvalendosi degli stagisti, dei tirocinanti e dei praticanti avvocati nonché del personale dell'ufficio. 

L'avvio della banca dati sarà assicurato dalla direzione generale dei sistemi informativi e automatizzati di via Arenula che vigilerà sull'archivio automatizzato garantendo la fruibilità dei provvedimenti nella stessa contenuti su base nazionale. 

La banca dati opererà in forma sperimentale per i primi dodici mesi.

Decreto Ministero Giustizia 1 ottobre 2015
(04/11/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittimeViolenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF