PCT: la ricevuta di notifica via pec non può essere smentita dal cancelliere!

La Cassazione ha precisato che la ricevuta di notifica nel Pct è redatta dal sistema informativo, che non può subire degradazioni di efficacia sulla base di annotazioni soggettive
email e-mail mail posta
di Valeria Zeppilli - Con la sentenza numero 22352/2015, depositata il 2 novembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha aggiunto un nuovo tassello interpretativo utile a fronteggiare le questioni controverse che quotidianamente arrovellano le menti degli operatori del diritto, chiamati a confrontarsi con il “nuovo” processo civile telematico.

Nel caso di specie, ad essere stata impugnata dinanzi ai giudici di legittimità è una sentenza con la quale il giudice del merito aveva revocato un fallimento, rilevando la nullità del relativo procedimento.

Alla base della decisione vi era la circostanza che il cancelliere, nell'indicare la data di avvenuta consegna tramite pec del ricorso per fallimento e del decreto di fissazione dell'udienza alla società debitrice, aveva annotato che della notifica al debitore non vi era in realtà certezza.

Per la Corte di Appello, quindi, sarebbe stato violato l'articolo 15 della legge fallimentare, in presunto difetto della ricevuta telematica attestante l'avvenuta consegna del messaggio.

Ma la curatela del fallimento non ci sta e ricorre in Cassazione.

Ed ecco quindi che la Corte ha avuto modo di fare chiarezza in materia, precisando che, in realtà, nel processo telematico la relata di notifica non è redatta dal cancelliere ma direttamente dal sistema informativo per le esecuzioni civili individuali e concorsuali: il Siecic.

I messaggi gestiti dai sistemi di posta elettronica certificata, oltretutto, sono caratterizzati da un'evidente tipicità e sono configurati secondo logiche di certezza. Essi, insomma, non possono “subire alcuna degradazione di efficacia sulla base di elementi annotativi che esprimano un qualsivoglia assunto valutativo e soggettivo di contraddittorietà”.

La decisione della Corte di appello va quindi cassata: in presenza della ricevuta telematica e della ricevuta di avvenuta consegna, la notifica telematica deve infatti ritenersi perfezionata.

Corte di cassazione testo sentenza numero 22352/2015
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(03/11/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF