Se Fido è ferito, sirene spiegate fino in ospedale

Le istruzioni applicative del Ministero dei Trasporti per la corsa dal veterinario!
Cane con lo sguardo rivolto verso l'alto
di Valeria Zeppilli – Anche i nostri amici a quattro zampe hanno il diritto di essere adeguatamente soccorsi in caso di ferimento, anche avvalendosi di clacson e sirene

E a dirlo non è solo il buon senso! 

L'inserimento dell'ambulanza veterinaria tra i mezzi di soccorso, infatti, è stato previsto dal codice della strada già a partire dal 2010, a seguito delle modifiche introdotte dalla legge numero 120, ed è stato reso operativo dal d.m. numero 217 del 9 ottobre 2012

Proprio tale decreto ha chiarito quali caratteristiche devono avere sia le ambulanze veterinarie che i veicoli utilizzati per le attività di protezione animale o di vigilanza zoofila e quelli utilizzati per il trasporto di animali feriti e di proprietà dei concessionari delle autostrade. 

Le successive linee guida del Ministero della salute, poi, hanno stabilito quali siano le attrezzature interne delle autoambulanze veterinarie, i requisiti del personale adibito al soccorso e al trasporto degli animali, i dispositivi di protezione individuale e l'equipaggiamento di cui il personale deve disporre. 

Recentemente, infine, il Ministero dei trasporti, con la circolare numero 15465/div3/c dell'1 luglio 2015, ha dettato le istruzioni operative per ogni singola categoria di veicoli legittimati a trasportare gli animali feriti. 

Ad esempio, si è chiarito che i veicoli per le attività di protezione animali e di vigilanza zoofila, pur non soggetti a verifiche tecniche particolari, potranno essere immatricolati solo ad uso proprio. Al contrario delle ambulanze, immatricolabili anche in uso di terzi per servizio di noleggio con conducente. 

Ora quindi una cosa è certa: non ci sono più ostacoli alla corsa di Fido dal veterinario

Padroni ansiosi attenzione però: niente esagerazioni

Le patologie che legittimano sirene, lampeggianti e clacson devono essere gravi. E la polizia stradale è legittimata ad effettuare i necessari accertamenti

È proprio il d.p.c.m. 217/2012, del resto, ad aver stabilito quali condizioni pongono in stato di necessità l'animale trasportato e quale documentazione vada presentata in caso di eventuale controllo.  

Testo circolare ministero dei trasporti circolare n. 15465/div3/c del 1 luglio 2015
Testo d.m. 217/2012
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(03/11/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF