Sei in: Home » Articoli

Evade dai domiciliari ma poi ci ripensa… sì all'attenuante anche se il gesto non è “spontaneo”

Per la Cassazione, non contano i motivi del gesto ma solo la riconsegna alle forze dell'ordine
carcere deternuto prigione

di Marina Crisafi - Scappa dai domiciliari ma subito ci ripensa e si riconsegna alle forze dell'ordine. È legittima dunque la concessione delle attenuanti e la conseguente riduzione della pena. Lo ha affermato la seconda sezione penale della Cassazione, con la sentenza n. 41951/2015 depositata il 20 ottobre scorso (qui sotto allegata), accogliendo il ricorso di un uomo, evaso dagli arresti domiciliari ma riconsegnatosi all'autorità, avverso il mancato riconoscimento dell'attenuante speciale di cui all'art. 385 c.p.

Per i giudici di merito, il gesto dell'uomo non era stata conseguenza di un moto spontaneo e, comunque, era già stato valutato ai fini del riconoscimento delle attenuanti generiche.

Per i legali dell'imputato, invece, i giudici sarebbero incorsi in violazione di legge e motivazione contraddittoria negando l'attenuante, nonostante il comportamento collaborativo tenuto dall'imputato con le forze dell'ordine, sul presupposto della mancata spontaneità nel riconsegnarsi; presupposto peraltro non richiesto dalla norma penale.

Per gli Ermellini, il ricorso è fondato.

L'attenuante speciale di cui all'art. 385 c.p. hanno affermato, infatti, si applica “anche nell'ipotesi di evasione dagli arresti domiciliari a condizione che chi si è allontanato dal luogo degli arresti si costituisca in carcere ovvero si consegni ad un'autorità che abbia l'obbligo di provvedere alla traduzione in carcere del reo - quale espressione di ammissione dell'infrazione e di volontà di elidere le conseguenze del reato”. Né, ai fini della sua applicazione, è richiesto uno “stato psicologico particolare” che accompagni la riconsegna. Ciò che conta è il ravvedimento post delictum,che rende l'attenuante applicabile all'imputato evaso dagli arresti domiciliari nelle sole ipotesi in cui questi, prima della condanna, si adoperi spontaneamente ed efficacemente - costituendosi in carcere o tenendo una condotta assimilabile, quale la consegna spontanea ad un'autorità che abbia l'obbligo di tradurvelo - per eliminare le conseguenze negative del reato, rappresentate dal dispendio di tempo e di energie da parte della polizia giudiziaria per effettuare le ricerche e pervenire al suo arresto”.

Per cui, non esistendo alcuna incompatibilità tra tale attenuante speciale e quelle generiche, il ricorso va accolto e la sentenza annullata sul punto. La parola passa al giudice del rinvio che dovrà attenersi ai principi indicati nel formulare il nuovo giudizio.

Cassazione, sentenza n. 41951/2015
(25/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF