Diritto di Famiglia

Può testimoniare il coniuge in comunione legale se non c'è un interesse che potrebbe legittimarne la partecipazione al giudizio

Per il Tribunale di Milano non vi è incapacità nelle controversie che abbiano come oggetto i crediti che derivano dall'esercizio dell'impresa dell'altro coniuge
martello sentenza giudice cassazione

di Valeria Zeppilli – Il Tribunale di Milano, con la sentenza numero 5931 del 2015, è intervenuto in materia di testimonianza del coniuge in comunione di beni, offrendo un'interessante lettura dei confini entro i quali tale deposizione è possibile.

Il riferimento normativo va individuato nell'articolo 246 del codice di procedura civile, in base al quale non possono essere assunte come testimoni le persone aventi nella causa un interesse che potrebbe legittimare la loro partecipazione al giudizio.

Per il giudice meneghino, però, non vi è incapacità a testimoniare del coniuge in comunione di beni nelle controversie che interessino l'altro coniuge e abbiano come oggetto i crediti che derivano dall'esercizio dell'impresa di cui quest'ultimo sia titolare esclusivo.

Infatti, in tali casi non sussiste l'interesse del testimone a partecipare al giudizio, che giustifica il divieto di rendere la propria deposizione.

I crediti che derivano dall'esercizio dell'impresa, del resto, diventano comuni al coniuge in comunione di beni solo nel caso in cui la comunione si sciolga e nei limiti della loro permanenza.

Così, il Tribunale di Milano ha escluso che possa essere contestata a priori l'attendibilità della testimonianza in casi come quello indicato, solo in ragione della sussistenza del rapporto di coniugio e del regime patrimoniale tra i coniugi.

Gli elementi che devono ispirare la valutazione, per i giudici, sono anche altri.

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF