Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: i compensi spettano anche se la lite è definita con transazione stragiudiziale

La Cassazione precisa che, nel caso in cui al giudice sia sottratta la definizione del giudizio e la pronuncia sulle spese, vi è obbligazione solidale delle parti
magistratura toga giudice sentenza toghe

di Valeria Zeppilli – Il fatto che la controversia sia stata decisa con transazione stragiudiziale non può essere addotto dalle parti come motivo per non pagare i compensi all'avvocato

La Corte di Cassazione, con ordinanza numero 21209/2015 depositata il 20 ottobre (qui sotto allegata), ha infatti ricordato che l'articolo 68 della legge professionale forense di cui al regio decreto legge numero 1578/2015 stabilisce che le parti che hanno transatto una controversia sono obbligate in solido a pagare gli onorari agli avvocati che hanno partecipato al relativo giudizio e a rimborsare loro le spese sostenute. 

Nel fare ciò, tale disposizione si riferisce a un accordo intervenuto su una lite già iniziata e fatta cessare senza la pronuncia del giudice. 

La Corte, con la sentenza in commento, ha in sostanza precisato che l'obbligazione solidale di cui all'articolo 68 sussiste solo nel caso in cui il giudizio sia definito con transazione o altro accordo equivalente e al giudice sia così sottratta la definizione del giudizio e la pronuncia sulle spese

Viceversa, tale disposizione non si applica se il giudice abbia comunque definito la controversia disponendo con sentenza la cessazione della materia del contendere e la ripartizione delle spese. 

Più precisamente, a rilevare ai fini della non applicabilità dell'articolo 68 della vecchia legge professionale forense non è tanto il fatto che il giudice abbia definito la causa con una pronuncia intervenuta per abbandono o per cessazione della materia del contendere, quanto il fatto che egli abbia anche stabilito la ripartizione delle spese

Si ricorda che oggi la legge professionale forense è contenuta nella legge numero 247/2012, che ha sostanzialmente riprodotto il vecchio articolo 68 nel nuovo articolo 13.  

Corte di cassazione testo ordinanza numero 21209/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF