Avvocatura

Avvocati: niente aumento del compenso al difensore d'ufficio per la complessità della causa, se l'imputato è ammesso al gratuito patrocinio

Per la Cassazione non può operare la disposizione che prevede l'aumento dell'importo fino al quadruplo per i giudizi impegnativi
Avvocatessa che indossa la toga in una libreria

di Marina Crisafi - Non spetta nessun aumento del compenso al difensore d'ufficio dell'imputato che è stato ammesso al gratuito patrocinio, neppure se la causa è molto complessa e richiede un impegno particolare. Lo ha stabilito la seconda sezione civile della Cassazione con la sentenza n. 21461/2015 depositata oggi (qui sotto allegata), rigettando il ricorso di un avvocato avverso il decreto con il quale la corte d'assise d'appello di Milano confermava la liquidazione degli onorari a lui spettanti.

Per la Corte, va escluso il riconoscimento dell'aumento del massimo previsto dalla tariffa penale ex art. 1 commi 2 e 3 del d. m. n. 127/2004, per l'impegno richiesto dalla complessità dei fatti e delle questioni giuridiche trattate, sul rilievo che ai sensi dell'art. 82 del dpr n. 115/2002 gli onorari dovuti al difensore della parte ammessa al patrocinio dello Stato non possono superare i valori medi delle tariffe professionali vigenti.

Per contro, il professionista lamenta che negare l'applicabilità dell'aumento stabilito dalla tariffa per la particolare difficoltà e complessità della causa determinerebbe una violazione di precetti costituzionali, comportando una disparità di trattamento fra il difensore di imputato ammesso al gratuito patrocinio e quello di altri imputati.

Ma per il Palazzaccio, ha ragione la Corte.

In tema di patrocinio a spese dello Stato, ha affermato infatti la S.C. “i criteri cui l'autorità giudiziaria ha l'obbligo di attenersi nella liquidazione degli onorari e delle spese spettanti al difensore, ai sensi dell'articolo 82 Dpr n. 115/2002, devono ritenersi esaustivi, sicché il giudice, nell'applicare la tariffa professionale, non può invece fare riferimento anche ai criteri integrativi e adeguatori della tariffa medesima, non essendo operante l'articolo 1, comma 2, della tariffa penale di cui al Dm. 8 aprile 2004 n. 127, che consente di quadruplicare il compenso per le cause che richiedono un particolare impegno per la complessità dei fatti o per le questioni giuridiche trattate”.

Ciò per due ordini di ragioni: la prima, per via dell'espresso “divieto contenuto nel citato art. 82, del superamento dei valori medi di tariffa”; la seconda, perché “la norma già contempla la natura dell'impegno professionale come un elemento da prendere in considerazione ai fini della liquidazione del compenso tra il minimo della tariffa e la media di tali valori”.

Peraltro, ha ritenuto opportuno sottolineare la Cassazione, la previsione dell'art. 2 della tariffa penale “non concerne un'autonoma e distinta voce del compenso” ma consente di determinare il compenso oltre i massimi “rimettendo alla valutazione del giudice se, in considerazione del particolare impegno profuso, della complessità dei fatti e delle questioni trattate, l'onorario possa essere elevato fino al quadruplo dei predetti massimi”.

Per cui, il ricorso è bocciato.

Cassazione, sentenza n. 21461/2015
(21/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF