Falsi dirigenti: l'invalidità della firma sull'avviso di accertamento non può eccepirsi per la prima volta in Cassazione

La Suprema Corte non può apprezzare le circostanze di fatto che costituiscono il presupposto degli assunti di parte ricorrente
firma scrivere notaio
di Lucia Izzo - Non è ammissibile la contestazione del "potere di firma" sollevata per la prima volta in Cassazione contro il soggetto firmatario del'atto per cui è lite. 

Lo ha precisato la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, nell'ordinanza n. 21307/2015 (qui sotto allegata) formulata a seguito del ricorso di un contribuente contro l'Agenzia delle Entrate e riguardante un avviso di accertamento (di genere "sintetico), ai fini IRPEF e Addizionali per l'anno 2004, a mezzo del quale veniva rideterminato in aumento il reddito dichiarato per il periodo indicato, alla luce degli indici sintomatici di maggiore capacità contributiva dell'uomo. 

Nonostante la vicenda culmini in Cassazione con un sostanziale accoglimento del ricorso, gli Ermellini valutano come totalmente inammissibile la memoria illustrativa presentata da parte ricorrente che adduce per la prima volta nuovi motivi atti a far rilevare l'assunta invalidità dell'atto amministrativo impugnato
Il contribuente precisa nella memoria che in capo al soggetto firmatario dell'avviso di accertamento di cui è lite non sussisterebbe alcun valido potere di firma, poiché costui è "incaricato di funzioni dirigenziali e non dirigente a seguito di un concorso pubblico"

Trattandosi di motivi evidentemente innovativi (sia rispetto al ricorso inizialmente proposto che al ricorso con cui era stato introdotto il primo grado) i giudici di Piazza Cavour chiariscono che, quand'anche si trattasse di argomenti deducibili, indipendentemente dalle preclusioni che regolano il rito tributario, tali assunti sarebbero comunque introdotti violando i principi che regolano il rito in Cassazione
Si rammenta che in nessun caso la Corte può apprezzare le circostanze di fatto che costituiscono il presupposto degli assunti di parte ricorrente, il cui onere di allegazione e prova in ordine a detti fatti appare comunque manifesto ed imprescindibile. 
Cass., VI civile, ordinanza 21307/2015
(21/10/2015 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF