Sei in: Home » Articoli

La trascrizione dell'acquisto mortis causa può compiersi solo secondo i modi di cui all'art. 2648 c.c.

Ciò sulla base del principio di tipicità degli atti soggetti a trascrizione contenuto nella norma che non ammette incertezze giuridiche
giudice sentenza martello
Dott. Antonino Miceli - Con riferimento all'accettazione dell'eredità, è prevista la trascrizione non solo della dichiarazione del chiamato o degli atti che valgano ad accettazione tacita, ma anche della sola sentenza di accertamento senza alcuna previsione sulla domanda giudiziale. 
A stabilirlo è il Tribunale di Trapani (sezione civile, sentenza n. 241/2012) rigettando il reclamo proposto dal resistente e dal pubblico ministero avverso la trascrizione con riserva della domanda giudiziale di accettazione dell'eredità avanti il Conservatore del Registro Immobiliare. 

Il giudice siciliano ha affermato, infatti, che l'accettazione può essere trascritta sotto forma di dichiarazione del chiamato all'eredità o altrimenti di sentenza di accertamento non essendo previsto nulla nel codice civile sulla possibilità di trascrivere la domanda giudiziale di accettazione dell'eredità. Ciò perché nell'art. 2648 c.c., è contenuto il principio di tipicità degli atti soggetti a trascrizione, che come tale, è immanente alla stessa funzione pubblicitaria dell'atto e non ammette incertezze giuridiche. 

Di conseguenza, poiché il creditore ha trascritto la domanda giudiziale di pignoramento dei beni prima della domanda di accertamento dell'accettazione di eredità, “la continuità delle trascrizioni è garantita non dalla trascrizione della domanda giudiziale ma dalla sentenza che accerti l'accettazione di eredità del de cuius da parte degli esecutati”. 
Ciò perché per legge l'accettazione dell'eredità retroagisce già al momento della morte del de cuius. 
Antonino Miceli - Tel. 348 7030304
Antonino MiceliAntonino Miceli - articoli
E-mail: dottorantoninomiceli@tiscali.it
Si laurea a 24 anni in giurisprudenza all'Universita' Cattolica del Sacro Cuore. Consegue, nel 2014, il master di secondo livello in professioni legali.
Dal 2015 è altresì agente assicurativo e collabora in un prestigioso studio legale a Trapani
(21/10/2015 - Antonino Miceli)
Le più lette:
» Il reato
» Il reato permanente
» La buona fede contrattuale
» Decreto ingiuntivo: quando si prescrive?
» Rumori in condominio: quando possono fondare il reato di disturbo della quiete
In evidenza oggi
Avvocati: online la nuova banca dati gratuitaAvvocati: online la nuova banca dati gratuita
Arrivano i vigili a pagamentoArrivano i vigili a pagamento
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF