Sei in: Home » Articoli

Assicurazioni: da oggi niente più più tagliando sul parabrezza

Parte la dematerializzazione dei contrassegni assicurativi ma sarà obbligatorio conservare il certificato nel cruscotto per esibirlo su richiesta
autovelox multe contravvenzioni

di Marina Crisafi - Da oggi, non è più obbligatorio esporre in bella vista sul parabrezza il tagliando di assicurazione. Ha preso il via infatti l'attesa “dematerializzazione” di cui all'art. 31 del d.l. n. 1/2012 (convertito dalla l. n. 27/2012) che ha previsto la sostituzione progressiva dei contrassegni tradizionali con quelli elettronici o telematici (leggi: “Addio al tagliando Rc Auto”). 

A ribadire la cessazione dell'obbligo di esporre il contrassegno è il Ministero dell'Interno con la circolare emanata il 15 ottobre scorso (qui sotto allegata), sottolineando che lo stesso dovrà comunque essere portato dal conducente nel veicolo, per poterlo esibire su richiesta da parte degli organi di polizia.

D'ora in poi, dunque, ogni controllo sarà effettuato in modalità elettronica e avverrà sia nel corso dei posti di blocco attuati dalle pattuglie, sia tramite dispositivi di controllo a distanza (tutor, autovelox, ecc.), attraverso la targa del veicolo che, grazie all'accesso ad una banca dati centralizzata ed aggiornata, verrà abbinata automaticamente ai dati al conducente/proprietario e a quelli della polizza, facendo emergere in tempo reale eventuali irregolarità

Quanto agli automobilisti, dunque, l'unica incombenza sarà quella di portare il certificato rilasciato dalla compagnia assicurativa nel cruscotto del proprio veicolo, perché chi verrà “beccato” senza incorrerà nella sanzione prevista dall'art. 180 del Codice della Strada.

Circolare Ministero dell'Interno 15 ottobre 2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/10/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF