Sei in: Home » Articoli

Inizia l'esame del "bail in", cui prodest?

Un rapido excursus sulla misura del 'bail in' nello schema del d.lgs. n. 209, in attuazione della direttiva 2014/59/UE
furto rapina ladro
di Roberto Paternicò - Con atto del Governo n. 209 é stato presentato lo Schema di decreto legislativo, in attuazione della direttiva 2014/59/UE, “per il risanamento e risoluzione degli enti creditizi e delle imprese di investimento”, ora all'esame presso la Commissione competente ed a seguire verso il dibattito parlamentare. 
Il recepimento della direttiva è composto da due distinti schemi di decreto legislativo: il primo (n.208), interviene nel Testo unico bancario per introdurre le disposizioni relative ai piani di risanamento e sostegno bancari, modificando, anche, le norme sull'amministrazione straordinaria delle banche e la liquidazione coatta amministrativa; il secondo (n.209), disciplina i piani, le misure di risoluzione e la gestione della crisi di banche ed istituzioni finanziarie.

Proprio in quest'ultimo, agli articoli da 48 a 59 della Sezione III del Capo IV del Titolo IV dello schema di decreto, viene disciplinato il “famigerato” bail-in (salvataggio dall'interno).

La Commissione europea ha avviato, addirittura, la procedura d'infrazione, nei nostri confronti, per il mancato recepimento della succitata direttiva che deve essere applicata a decorrere dal 1° gennaio 2015, ad eccezione di quanto previsto per il “bail-in”, da digerire non più tardi del 1° gennaio 2016.

Se é vero che l'attività bancaria ex art.10 del T.U.B. (Testo unico bancario) consiste nella raccolta di risparmio tra il pubblico e l'esercizio del credito, non si comprende perché dovremmo consegnare i nostri soldi e poi proteggerli. In ogni caso, nell'ambito del Single Resolution Mechanism - SRM (meccanismo unico di risoluzione), concepito per garantire un approccio comune al trattamento delle banche in dissesto per la stabilità del settore finanziario negli Stati membri UE, la priorità, tra gli strumenti di salvataggio, va, semmai, ricercata nella portata del Fondo di risoluzione (Fondo "mutuo" finanziato dai contributi del settore bancario) e non certo nei clienti bancari.

Per capire meglio il significato di quest'ultima ed estrema soluzione di salvataggio delle istituzioni bancarie e finanziarie si proverà, nell'allegato documento, a decifrarne i contenuti con qualche riflessione normativa.


SCARICA IL PDF COMPLETO E ILLUSTRATO
Contenzioso Bancario
(18/10/2015 - Dott.Roberto Paternicò)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF