Sei in: Home » Articoli

Guida in stato di ebbrezza: contano anche i centesimi nella rilevazione dell'etilometro

Per la Cassazione, anche se il tasso alcolemico è superiore di soli 6 centesimi, il reato è quello previsto dall'art. 186 lett. c)
Agente che utilizza etilometro
di Lucia Izzo - In tema di guida in stato di ebbrezza, ai fini del superamento delle soglie di punibilità stabilite dall'art. 186, comma secondo, lett. a), b) e c), del codice della strada, assumono rilievo anche i valori centesimali.

Lo ribadisce la Corte di Cassazione, quarta sezione penale, nella sentenza 41225/2015 (qui sotto allegata), rigettando il ricorso di un uomo condannato per guida in stato di ebbrezza, con tasso alcolemico rilevato di g/l 1,56.
L'imputato deduce l'irrilevanza dei centesimi nell'alcoltest, richiedendo pertanto il contestuale inquadramento del fatto nella lett. b) dell'art. 186 del codice della strada.

Di diverso avviso i giudici della Corte i quali chiariscono che la sensibilità degli strumenti utilizzati per l'accertamento urgente del tasso alcolemico (etilometri) era nota al legislatore stesso prima dell'adozione della modifica normativa, sicché era intenzionale l'approssimazione al centesimo di grammo/litro dei valori dell'alcolemia rilevati dai predetti strumenti.

In assenza di elementi espliciti da cui desumere una contraria volontà, si ritiene che l'omessa indicazione della seconda cifra decimale nulla abbia a che vedere con la volontà di approssimare ai soli decimi di grammo/litro gli accertamenti più corretti, puntuali e precisi forniti dalla strumentazione disponibile.
Siccome nel caso di specie il calore rilevato è superiore al valore soglia di 1,50 g/l, il fatto ascrittogli è stato correttamente qualificato dai giudici di merito (ex art 186 lett. c)

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali. 

Cass., IV sez. penale, sent. 41225/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/10/2015 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF