Sei in: Home » Articoli

Omessa contribuzione previdenziale: anche le sanzioni civili si prescrivono in cinque anni

Per la Cassazione il credito per le sanzioni civili deve essere considerato come della stessa natura di quello per i contributi evasi
inps
di Valeria Zeppilli – L'obbligo per il datore di lavoro di versare somme aggiuntive nel caso in cui ometta il pagamento dei contributi o vi provveda tardivamente è una conseguenza automatica dell'omissione e del ritardo e assolve una funzione di rafforzamento dell'obbligazione contributiva. Di conseguenza, il credito per le sanzioni civili è assoggettato al regime prescrizionale quinquennale.

Affermando tale principio, la Corte di cassazione, con la sentenza numero 20585/2015, depositata il 13 ottobre (qui sotto allegata), ha respinto il ricorso con il quale l'Inps reclamava, in una controversia vertente proprio su tali somme, che la riduzione del termine prescrizionale avrebbe violato il proprio diritto di difesa.

Per l'istituto, in particolare, il riferimento andrebbe alla sentenza di legittimità numero 18148/2006, nella quale si era statuito che, poiché le sanzioni civili avrebbero natura diversa da quelle contributive, alle prime non potrebbe essere esteso il regime di prescrizione applicabile alle seconde.

Ma la Corte, nella sentenza in esame, sottolinea che tale orientamento, oltre ad essere pressoché isolato, è stato superato da diverse pronunce successive, conformi nel senso opposto.

Infatti, il credito per le sanzioni civili deve essere ormai pacificamente considerato come della stessa natura di quello per i contributi evasi, con la conseguenza che tra di essi esiste un vincolo di dipendenza funzionale che permane anche dopo l'irrogazione della sanzione. Da ciò non può che derivare che le vicende inerenti l'omesso o il ritardato pagamento dei contributi riguardano necessariamente anche le somme aggiuntive.

Anche volendo sostenere che le due somme abbiano una natura diversa, tale circostanza non eliminerebbe comunque il carattere di accessorietà e l'individuazione del termine prescrizionale non potrebbe che riferirsi alle norme di legge che regolano le conseguenze dell'inadempimento contributivo.

Con buona pace dell'Inps.

Corte di cassazione testo sentenza numero 20585/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF